• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:News
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:3 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:27 Aprile 2019

Un globicefalo con la pinna caudale tranciata di netto da una grossa imbarcazione è stato soppresso.

Un giovane globicefalo è stato individuato nelle acqua a sud della città di Tenerife agonizzante a causa di un impatto violento con una grossa imbarcazione. Le eliche del motore hanno tranciato di netto la pinna caudale del povero cetaceo che è stato soppresso dai ricercatori spagnoli dello IUSA (Universitary Research Institute for Terrestrial and Aquatic Animal Health and Food Safety.)

Il piccolo cetaceo era circondato da altri cetacei tra cui delfini e stenelle che con richiami strazianti cercavano di proteggere il piccolo da attacchi di altri animali.

Il piccolo lungo circa 2 metri è stato individuato da una imbarcazione che porta i turisti a fare Whale watching, ovvero l’osservazione di cetacei in mare.

Una scena straziante

I ricercatori si sono trovasti davanti una scena straziante, il piccolo globicefalo che emetteva dei lamenti come se fosse un pianto di un neonato. I ricercatori hanno cosi pensato di far cessare l’agonia del globicefalo praticando l’eutanasia e mettendo fine al dolore straziante che non avrebbe dato possibilità all’animale di sopravvivere.

Catturato e issato sull’imbarcazione il piccolo ha continuato ad emettere lamenti e richiami verso i componenti del gruppo.

Il Dott. Perez dichiara che praticare quell’eutanasia è stato doloroso per tutto il gruppo di ricercatori ma non vi era altra soluzione.

Immagine di copertina: Dott. Jacobo Marrero Perez

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento