Nave cargo MSC ZOE per 270 container in mare

Una tempesta violenta ha fatto riversare in mare 270 container dalla Nave Cargo MSC ZOE durante un suo viaggio nel Mare del Nord. Alcuni container conterrebbero sostanze nocive per l’ambiente.

Alcunidei270containercaduti in mare durante una tempesta conterrebbero sostanze nocive all’ambiente come polistirolo o prodotti contenenti perossidi. All’interno dei container anche giocattoli, scarpe e televisioni.

Sebbene sull’isola tedesca di Borkum sia partita una sorta di bonifica fatta da ambientalisti e sciacalli che rubano, sarebbero tanti i container affondati in mare. Altri si sarebbero aperti e avrebbero riversato in mare milioni di oggetti che si sono almeno in parte arenati sulle spiagge dell’isola.

La Nave Cargo, la MSC ZOE lunga 394 metri è una delle piu’ grandi al mondo e puo’ caricare sino a 19.000 container. Oltre all’isola di Borkum, ci sono le isole olandesi di Terschelling, Schiermonnikoog e Ameland ad essere invase dagli oggetti caduti in mare. La Nave ora è rientrata in porto a Brema mentre proseguono le operazioni di raccolta sulle spiagge. Il sindaco dell’isola di Borkum non nasconde la paura di un disastro ambientale.

Leggi anche : MOBY-DUCK: LA VERA STORIA DELLE 28000 PAPERELLE IN BALIA DEL PACIFICO

I cassoni ritrovati

Proseguono le operazioni di raccolta dei cassoni da parte delle guardiecostiereolandesi e tedesche. Sinora, venti sono stati ritrovati mentre i tre carichi con materiale tossico sono ancora dispersi.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *