Nave ancorata : pallone e fanale

Il Giornale dei MARINAI Nautica e barcheNave ancorata : pallone e fanale
5
(1)

Quanto diremo si riferisce al naviglio da diporto in modo particolare. Parlare di nave in ambito diportistico fa pensare subito a unità di lunghezza superiore a metri 24. Invero l’argomento “nave ancorata” è trattato da le “Norme per prevenire gli abbordi in mare” il cui acronimo è COLREG ’72 (Convention on the International Regulation for Prevening Collision at sea 1972). Tali norme internazionali, che ogni barca è bene abbia a bordo, sono edite dall’Istituto Idrografico della Marina di Genova ed acquistabili presso Nautica, Stazione Marittima, Ponte dei Mille Genova, nonché a Taranto presso l’Ufficio Idrografico. Alle Norme in parola debbono ubbidire tutti i mezzi nautici che solcano i mari, i laghi, i fiumi. Infatti, la regola 3 (definizioni generali), alla lettera A, recita: “La parola Nave include ogni tipo di natante, compresi quelli a cuscino d’aria e idrovolanti, usati o in grado di essere usati come mezzo di trasporto sull’acqua. E ancora il Codice della Navigazione all’art. 136 dice: “Per Nave si intende qualsiasi costruzione destinata al trasporto per acqua, anche a scopo di rimorchio, di pesca, di diporto, o altro scopo.

Il termine natante di cui sopra, come quello di nave, in questo contesto, non hanno alcuna attinenza con i pari termini della legge del Diporto Nautico, la quale ne fa una distinzione ai solo fini amministrativi per assegnare loro diritti e doveri. Vediamo ora quali sono le prescrizioni delle Norme per le Unità alla fonda contenute nella Regola 30 (Navi all’ancora): a) omissis per navi lunghe oltre 50 metri; b) una nave inferiore a 50 metri deve mostrare dove possono esser visibili per tutto l’orizzonte un fanale a luce bianca, oppure un pallone nero che, per una nave inferiore a metri 20 può avere un diametro inferiore a 60 cm, ma proporzionato alla lunghezza della nave. Occorre prestare attenzione alla seguente testuale prescrizione sotto il paragrafo (e) della Regola 30: “Una nave di lunghezza inferiore a 7 metri, quando è all’ancora, o incagliata, ma non in un canale ristretto o nelle sue vicinanze, né in un passaggio od ancoraggio dove altre navi generalmente navigano, non è tenuta a mostrare i fanali o i segnali prescritti”.

In mare non coi sono le autostrade e perciò non si hanno punti precisi di riferimento. Il marinaio deve sopperire col buon senso, le conoscenze e l’esperienza per prevenire incidenti. Recentemente si è letto che una barca alla fonda, ma senza il prescritto segnale, ha evitato un naufragio perché quando si è visto arrivare addosso un peschereccio che inalberava regolari segnali di “rete a strascico” ha filato per occhio ed è partito a tutta manetta. Ma c’è dell’altro. Una visione sconfortante è quella che è data a vedere in particolare in Adriatico, nell’epoca di pesca allo sgombro. Una selva di barche e barchette alla fonda disposte attorno alle entrate dei porti sui quali gravitano forti correnti di traffico marittimo in arrivo ed in partenza, e nessuna, sottolineiamo nessuna, che in cima ad una robusta canna attacchi un segnale di fonda. Se poi un giorno la sorveglianza si applica, tutti a gridare a soprusi e incomprensioni. E perché ogni Comandante si renda conto delle conseguenze dal non mostrare il segnale di fonda, vogliamo riportare quanto scriveva il Comandante Sergio Costa su Pagine Azzurre nel 1991 a pagina 75: “si tenga ben presente che l’Assicurazione è un’organizzazione che non “elargisce” a cuor leggero i rimborsi per il bene assicurato che ha subito danni. Pertanto il segnale di fonda -diurno e notturno- prescritto da regole internazionali deve essere sempre mostrato, al pari di altre prescrizioni in quanto sono determinanti per le assicurazioni.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfino attacca pesce gatto Perché i delfini decapitano le loro prede ?
4.3 (3) I biologi marini hanno scoperto alcuni anni fa che alcuni delfini tursiopi del
pesce con amo in pancia Amo : meglio tagliare o slamare ?
5 (1) Una domanda che ci siamo posti un po’ tutti durante le nostre battute
Tonno rosso Stock di tonno rosso : la situazione migliora ed i tonni non sono più in pericolo
5 (5) Quattro specie di tonno pescate commercialmente sono sulla buona strada per il recupero
Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime