MSC Pesca Sostenibile rafforza l’impegno sulle condizioni di lavoro.

Il Giornale dei MARINAI NewsMSC Pesca Sostenibile rafforza l’impegno sulle condizioni di lavoro.
0
(0)

Gli Stakeholder sono chiamati a partecipare alla consultazione.

Milano, 20 Luglio 2016 – Il Marine Stewardship Council (MSC Pesca Sostenibile) nei prossimi mesi aprirà una consultazione per fornire al mercato maggiore certezza circa le condizioni di lavoro dei pescatori/flotte pescherecce e della supply chain certificate MSC. Da oggi, gli stakeholder sono chiamati a dare i loro contributi su una questione delicata come le condizioni lavorative per sviluppare una consultazione il più completa possibile.

“Il Board di MSC riconosce la crescente importanza attribuita alle questioni sociali quando si parla di sostenibilità”, ha dichiarato Werner Kiene, Presidente del Board di MSC. “Di conseguenza, è stato deliberato di rafforzare i nostri schemi di certificazione per assicurare agli stakeholder che le condizioni di lavoro delle Fishery e di tutta la filiera certificata MSC, dal mare al consumatore, soddisfano alcuni dei principi maggiormente riconosciuti a livello internazionale.”

Questa decisione incrementa l’impegno già preso dal Board di MSC nel 2014 di vietare a organizzazioni condannate per lo sfruttamento della forza lavoro di raggiungere la certificazione MSC.

“Vi è una profonda e diffusa preoccupazione per gli abusi sul lavoro all’interno del settore ittico e della sua supply chain. Molte organizzazioni stanno cercando la soluzione migliore per fornire al mercato strumenti sostenibili ed efficaci per garantire che i loro prodotti e la supply chain rispettino dei principi riconosciuti a livello internazionale sulle condizioni di lavoro, evitando così pratiche scandalose e inaccettabili “, ha dichiarato Rupert Howes, CEO di MSC.

“Mentre diversi standard sociali hanno iniziato a fornire una soluzione per la verifica della supply chain sulla terra ferma, ci sono numerose sfide per fornire garanzie analoghe per le barche in mare. Tuttavia, alcune iniziative sono già in corso. MSC intende imparare da queste iniziative, lavorare con loro, con le Fishery e i propri partner per capire le loro esigenze e aspettative. Il nostro obiettivo è quello di sviluppare un approccio basato sul rischio e richiedere maggiori controlli dove ce ne fosse effettivamente bisogno. Non sarà facile. Incoraggiamo i nostri partner a condividere le loro esperienze con noi al fine di assicurare che i nuovi requisiti siano sia efficaci che misurati”, ha continuato Howes.

Tre opportunità per i contributi degli stakeholder.

MSC prevede l’introduzione dei nuovi requisiti concordati in 3 fasi, in occasione delle revisioni dei 2 Standard e dei Requirements già in programma. MSC è aperta a valutare anche soluzioni di altri enti che definiscono gli standard e di terze parti.

La prima inizia oggi, partendo dalla proposta di MSC di introdurre un approccio basato sul rischio, richiedendo ai pescatori/flotte pescherecce certificate di dichiarare, ed eventualmente dimostrare, che non effettuano pratiche di lavoro inaccettabili. Nei prossimi mesi verrà fatta una consultazione che terrà conto degli input che arriveranno in questo periodo. E’ possibile consultare i documenti su improvements.msc.org e mandare i propri contributi a standards@msc.org . L’implementazione di questi nuovi requisiti è prevista nel 2018 quando ci sarà la revisione dei Fisheries Certification Requirements (FCR).

La seconda e la terza fase riguarderanno l’inserimento di una serie di requisiti sociali verificabili all’interno degli Standard. Verrà fatta una consultazione specifica per i requisiti per la supply chain che si rifletterà nella revisione dello Standard Catena di Custodia (Chain of Custody Standard) nel 2018. Un’altra verrà fatta per le condizioni di lavoro dei pescatori/flotte pescherecce con l’obiettivo di implementare i requisiti sociali concordati entro il 2020, quando è in programma l’aggiornamento dello Standard MSC per la Pesca Sostenibile.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfino attacca pesce gatto Perché i delfini decapitano le loro prede ?
4.3 (3) I biologi marini hanno scoperto alcuni anni fa che alcuni delfini tursiopi del
pesce con amo in pancia Amo : meglio tagliare o slamare ?
5 (1) Una domanda che ci siamo posti un po’ tutti durante le nostre battute
Tonno rosso Stock di tonno rosso : la situazione migliora ed i tonni non sono più in pericolo
5 (5) Quattro specie di tonno pescate commercialmente sono sulla buona strada per il recupero
Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime