Motonautica: l’incidente mortale di Massimo Rossi riaccende i riflettori sulla motonautica

Il Giornale dei MARINAI Nautica e barche, NewsMotonautica: l’incidente mortale di Massimo Rossi riaccende i riflettori sulla motonautica
0
(0)

Un finale di stagione dai toni bassi, quello previsto a Boretto Po nel fine settimana.

Milano: “Quest’anno ha vinto due titoli mondiali, ma si accorgono di Massimo solo adesso che non c’è più,” queste le parole a caldo di Alessandro Cremona, il pilota piacentino di provata esperienza, incontrato presso il palazzo delle Federazioni a Milano, che commenta con un nodo alla gola l’incidente mortale che è costato la vita al collega Massimo Rossi.
Dopo il successo mondiale del 7 agosto u.s. a Kriebstein (Ger), il giovanissimo pilota veneto di San Bellino (Rovigo) si era infatti riconfermato campione mondiale a Jedovnice (Repubblica Ceca), conquistando anche il titolo Mondiale nella categoria O.350, titolo fino a quel momento detenuto appunto da Alex.
massimo-rossiSono trascorsi ben ventisei anni da quando tutto il mondo si interessò improvvisamente alla motonautica: era il 3 ottobre del 1990 dove, a seguito di un incidente avvenuto nel corso dei Campionati del Mondo offshore a Montecarlo, perse la vita Stefano Casiraghi, alla guida del catamarano “Pinot di Pinot”. Tante anche allora, le polemiche circa le misure di sicurezza adottate durante le gare sino a quel momento, dopodiché il silenzio. E poi ancora tre anni fa con l’incidente all’idroscalo di Milano, dove perse la vita il  campione italiano di Formula 2 Paolo Zantelli.
Ma, come detto, è trascorso oltre un ventennio e decine di piloti italiani e non solo, hanno fatto la storia di questa amata e odiata disciplina: Guido Cappellini, Scott Gilman, Giuseppe Rossi, Tiziano Trombetta e poi ancora Alessandro Cremona, Fabio Bertolacci e sino ad arrivare a Massimo. Nomi che, alla stragrande maggioranza del pubblico, non dicono nulla se non quasi, ma che in realtà appartengono ai grandi campioni della Motonautica Mondiale.

“Giovane, di poche parole e con grande talento, non ci conoscevamo molto nel privato, ma in gara eravamo rivali di altissimo livello”, prosegue Alessandro nel ricordare il suo avversario che, per motivi di lavoro si era trasferito in Germania, e per questo aveva chiesto alla FIM (Federazione Italiana Motonautica) di poter gareggiare con licenza tedesca.Tanto dolore, tanta l’amarezza nel settore degli addetti ai lavori, che si vedono “scaraventati” sulle prime pagine di tutte le principali testate nazionali, solo perché collegati ad un incidente mortale, ad uno sport pericoloso. Ed ecco che improvvisamente tutti parlano di motonautica, tutti ne diventano esperti conoscitori, consulenti e tecnici ma, basterà una manciata di giorni, perché questa disciplina, come tante altre, torni ad essere offuscata dal mondo sportivo calciocentrico, che sempre meno lascia spazio ai giovani talentuosi degli altri sport considerati “minori”.
Che fosse uno sport pericoloso, lo sapeva bene Massimo, così come lo sanno Alessandro, Max, Giuseppe, Peter, Mario e potremmo andare avanti ancora con decine di altri nomi di atleti, che solo per passione, non certo per denaro, dato che non è nemmeno una disciplina olimpica, scendono in acqua sfidandosi secondo quelle che sono le regole fisiche e adrenaliniche della velocità. Tanti i piloti italiani che ogni anno portano sul podio il nostro amato tricolore, poche e rare le volte in cui si parla di loro…
“Si parla tanto di sicurezza, solo adesso che è accaduto l’irreparabile, solo adesso che Massimo non c’è più; ma io stesso l’anno scorso durante la commissione piloti, in occasione dei mondiali, avevo sottolineato la pericolosità di quel circuito e nessuno mi diede ascolto”,
con l’amaro in bocca Alessandro ripercorre con la memoria quel maledetto circuito, dove, probabilmente grazie anche a un pò di esperienza in più, riuscì a gestirne le difficoltà strutturali, aggiudicandosi il titolo.

Il prossimo weekend 8/9 ottobre si svolgerà a Boretto Po l’ultima tappa del Campionato Europeo F.250 (leader della classifica, lo stesso Massimo); un finale di stagione dunque dai toni bassi e velato di tristezza: la motonautica mondiale ha perso un grande campione, una famiglia ha perso il suo giovane pupillo di quasi 24 anni.

Ciao Massimo

Il video dell’incidente

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfino attacca pesce gatto Perché i delfini decapitano le loro prede ?
4.3 (3) I biologi marini hanno scoperto alcuni anni fa che alcuni delfini tursiopi del
pesce con amo in pancia Amo : meglio tagliare o slamare ?
5 (1) Una domanda che ci siamo posti un po’ tutti durante le nostre battute
Tonno rosso Stock di tonno rosso : la situazione migliora ed i tonni non sono più in pericolo
5 (5) Quattro specie di tonno pescate commercialmente sono sulla buona strada per il recupero
Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime