• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:News
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:2 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:12 Aprile 2022

Su di un’isola deserta come Cast away. Per sopravvivere avrebbe potuto mangiare il compagno

Fabbraio 2014, Città del Messico. E’ ritornato a casa dopo 13 mesi trascorsi in mezzo al mare, Salvador Albarengo, 37enne originario di San Salvador. Sembra quasi la storia raccontata da Tom Hanks in “Cast away”. L’uomo è stato ritrovato giovedì scorso in una remota isola al largo delle isole Marshall. L’uomo era disorientato ed aveva un paio di jeans strappati addosso-raccontano i navigatori che lo hanno trovato. L’uomo è riuscito a rimanere in vita mangiando pesce e cacciando uccelli sull’isola disabitata.

split_pic_of_survivors_E1
Xiquel a sinistra e Albarengo a destra

Albarengo dice di essere partito in barca dal Messico alla vigilia di Natale del 2012 per una battuta di pesca allo squalo, e che doveva rientrare a casa la sera stessa. Il mare grosso che poi si è trasformato in tempesta ha trasportato l’imbarcazione lontano al largo e solo il vento l’avrebbe poi spiaggiata sulla sperduta isola. Era partito con Xiquel, un ragazzo 16enne che però a quanto pare non c’è l’avrebbe fatta a salvarsi. L’uomo racconterà in un libro la sua avventura, la storia già è stata acquistata da un noto editore americano che promette di realizzare anche un film.

Il video di un’emittente americana che lo ha incontrato al suo rientro.

Al momento stai visualizzando Messico: Naufrago per 13 mesi per la pesca agli squali

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento