La hanno soprannominata “megattera hacker”. Il grosso cetaceo e’ rimasto impigliato in un cavo per la fornitura di internet. E’ stata liberata dopo due giorni.

Il fotografo subacqueo Audun Rikardsen, alla ricerca di nuove immagini per un documentario, nel buio della notte si e’ imbattuto in una megattera rimasta intrappolata tra i cavi della linea internet nei pressi del fiordo di Tromsø in Norvegia. Rikardsen, dopo aver avvisato la guardia costiera locale, ha cercato invano di liberare la megattera senza risultati. Il cavo si era avvolto attorno la testa e nella bocca. Secondo il fotografo, la megattera ha cercato aiuto nei sub, posizionandosi lungo il fianco della loro piccola barca. La guardia costiera e’ arrivata soltanto verso le prime ore del mattino quando i sub ancora non erano riusciti a liberare il cetaceo. Soltanto un subacqueo professionista specializzato e’ riuscito a liberarla tranciando i cavi. Un cavo che doveva trovarsi a 170 metri sul fondale ed invece e’ stato una trappola per la megattera. Un inconveniente per il piccolo villaggio di Skulsfjord che e’ rimasto senza internet per due settimane prima della sostituzione del cavo. Non e’ la prima volta che accade, già in passato alcuni squali avevano attaccato i cavi della linea internet di google.

 

Replica

Please enter your comment!
Please enter your name here