Mediterraneo: Le Orche attaccano barche in gruppi organizzati

Tra le coste europee e africane, gruppi (Pod) di orche stanno prendendo di mira le imbarcazioni con l’intento di affondarle. Il loro modus operandi sorprende: una delle orche, traumatizzata da un da un probabile scontro con una imbarcazione, starebbe insegnando le sue tecniche di attacco ai suoi simili.

Le nuove “orche assassine non sono frutto dell’immaginazione di Michael Anderson, e sono caratterizzate da un distinto pattern di colorazione nero e bianco. Nel cuore dello Stretto di Gibilterra, tra le coste spagnole e marocchine, le orche si coordinano in piccoli gruppi per attaccare le imbarcazioni. Tutto questo sotto lo sguardo attento di “Gladis“, un’orca traumatizzata da una ferita causata da una collisione con una imbarcazione nel Mediterraneo, che starebbe addestrando i suoi simili con le sue tecniche.

Uno di questi recenti attacchi risale al 2 maggio, vicino alle coste marocchine e alla città di Tangeri. Guidato da “Gladis”, un gruppo di sei orche si è abbattuto su uno yacht, lasciando l’equipaggio stupefatto. “È un’esperienza che non dimenticherò mai”, racconta uno dei passeggeri. “Er Il fotografo 58enne si trovava sul ponte quando sono iniziati i gridi, all’inizio dell’offensiva dei cetacei. “Una matriarca di dimensioni maggiori era chiaramente presente e supervisionava quasi tutto”, continua, suggerendo che probabilmente si trattava di “Gladis”.

Il capitano della barca, Greg Blackburn, ha avuto la sorpresa di sentire due forti colpi al suo timone, prima di individuare i predatori che fendevano l’acqua. “Quando le ho viste […] ho capito che avremmo avuto problemi.” Rapidamente, ha abbassato la vela principale per cercare di rendere la sua barca “meno interessante” per gli aggressori, tanto che il “gruppo” di orche alla fine ha perso interesse. I danni che ha causato hanno comunque costretto la barca a tornare in porto.

Due giorni dopo l’attacco, un’altra barca ha subito la stessa sorte al largo delle coste spagnole. Un gruppo di tre orche ha danneggiato il timone della barca a vela. Trainata dalla Guardia Costiera spagnola, la nave alla fine è affondata all’ingresso del porto di Barbate, in Andalusia. Il suo capitano, Werner Schaufelberger, sostiene di aver visto due orche più piccole imitare le mosse del loro compagno più grande. Hanno prima scosso il timone sul retro, mentre il terzo ha colpito la nave di lato a piena forza. “I due piccoli hanno osservato la tecnica del più grande e, con un leggero slancio, hanno anche colpito la barca”, ricorda.

Il comportamento descritto suggerisce che queste orche potrebbero essere state anch’esse istruite da “Gladis”. Un incidente simile è avvenuto lo scorso novembre: una nave è affondata al largo del porto di Viana do Castelo, in Portogallo. Le orche avevano squarciato lo scafo.

Secondo Alfredo López Fernandez, biologo all’Università di Aveiro in Portogallo, il trauma vissuto da “Gladis”, l’ha resa più aggressiva nei confronti delle barche. Le orche, essendo animali sociali, sono in grado di imparare gli uni dagli altri, quindi il suo comportamento sta ora venendo imitato dai suoi compagni.

Questi attacchi non sono eventi isolati: identificati per la prima volta nel maggio 2020, gli attacchi di orche sono diventati sempre più frequenti nello Stretto, sebbene non tutti possano necessariamente essere collegati a “Gladis”. Un ex skipper della Vendée Globe, Sébastien Destremeau, ne ha sperimentato uno il 22 maggio: la sua nave da 15 tonnellate, “il Lancelot”, è stata attaccata al Capo Traflagar nel sud della Spagna. Per 55 minuti. “Abbiamo visto arrivare una ventina di orche. Da otto a dieci di loro hanno iniziato a attaccare sistematicamente il nostro timone”, ha raccontato a France Bleu Breizh Izel. Le orche alla fine se ne sono andate e l’equipaggio della barca è riuscito a mettersi in salvo. “Una cosa è certa, siamo sul loro territorio.”

Tags :

Share :

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Lascia un commento

Ultimi articoli

Le schede degli organismi marini