pesca col magnete

La pesca magnetica o magnet fishing sta a poco poco imponendosi tra gli appassionati di pesca ma anche tra gli attivisti che utilizzano questo metodo per pulire i bacini da ferraglie o artificiali lasciati in acqua che possono ancora pescare e quindi uccidere la fauna acquatica. Sono anche in tanti che utilizzano questa tecnica per andare alla ricerca di monete o oggetti di uso comune che possano ancora avere un valore nel mercato dell’usato.

Oggi si trovano in vendita diversi magneti al Neodimio, molto più potenti delle classiche calamite e sicuramente meno pericolosi.

Cosa si pesca con il magnete ?

In generale la pesca col magnete permette di recuperare ferraglie, monete, ma anche oro ed argento nel caso si utilizzi il magnete al Neodimio

Cosa é esattamente il Neodimio

Il Neodimio é un metallo che fa parte dei lantanidi meglio conosciuti come terre rare. Di colore argenteo il neodimio viene utilizzato per la fabbricazione di magneti permanenti

Come si pesca con la calamita ?

La pesca é molto semplice e permette movimento fisico e divertimento soprattutto quando si ritira il magnete e si ritrova un oggetto metallico. La pesca é abbastanza semplice, il magnete viene legato ad una corda, una volta fatto roteare il magnete si lancia in acqua e si recupera lentamente sino a quando si sente aumentare il peso del magnete. In quel caso la nostra calamita avrà “agganciato” qualcosa. Basterà tirare la corda a noi per scoprire cosa abbiamo pescato.pesca-calamita Magnet fishing, la pesca con la calamita

Il pericolo di armi o oggetti esplosivi

La pesca con la magnete é molto criticata per la pericolosità degli oggetti che si possono pescare come armi o bombe. Pensate che nel periodo delle due guerre mondiali nel territorio italiano sono state occultate migliaia di mine o altri residuati bellici che potrebbero essere potenzialmente ancora attivi. Per tal motivo si consiglia di tirare la corda del magnete lentamente e portare fuori l’oggetto con attenzione. Se non riconoscete l’oggetto non toccatelo con le mani ma piuttosto lasciatelo al magnete ed allertate le autorità.




Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Articolo precedenteClima, Greenpeace: rapporto ipcc conferma gravi impatti anche sugli oceani
Articolo successivoE se fossero i cetacei la cura contro l’inquinamento da CO2?
Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui