L’Ue gioca un ruolo chiave nel commercio degli squali

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
finning

Un rapporto rileva che gli Stati membri dell’UE esportano il 45% delle pinne di squalo

L’Unione Europea svolge un ” ruolo chiave nel commercio mondiale delle pinne di squalo. Si tratta per lo più di specie sono a rischio di estinzione. A denunciarlo il Fondo internazionale per la protezione degli animali.

” La Spagna è uno dei principali esportatori mondiali”

L’Ong ha analizzato i dati doganali di Hong Kong, Singapore e Taiwan ” che coprono le importazioni e le esportazioni di pinne e carne nel periodo dal 2003 al 2020 “. Si rivela che gli Stati membri dell’UE hanno esportano circa il 45% delle catture mondiali. ” La Spagna è uno dei principali esportatori mondiali di pinne di squalo “, seguita a livello europeo da ” Portogallo, Paesi Bassi e Francia.

Quasi un terzo degli squali presenti nelle acque europee sono da considerare a rischio di estinzione. Ad esempio, le popolazioni europee di squali eccessivamente sfruttati come lo spinarolo (Squalus acanthias), lo smeriglio (Lamna nasus) e lo squalo angelo (Squatina squatina) sono state proposte come specie altamente a rischio.

” Un totale di 188.368 tonnellate di pinne di squalo sono state inviate ad Hong Kong, Singapore e Taiwan tra il 2003 e il 2020.  L’UE è responsabile di quasi un terzo di queste importazioni (28% in media, 53.407 tonnellate) e la sua quota di importazioni di pinne è aumentata in modo significativo dal 2017, raggiungendo il 45% nel 2020 “, continua la Ong. ” Più del 50% delle specie di squali sono minacciate o quasi minacciate di estinzione e gli squali pelagici hanno visto le loro popolazioni diminuire di oltre il 70% in soli 50 anni.

Una responsabilità condivisa

L’UE deve ” garantire l’accuratezza dei registri commerciali. Deve imporre criteri di sostenibilità per il commercio degli squali “, elencando le specie commercializzate nell’Appendice II della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di squali. fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione ( CITES), consentendo uno stretto controllo di questo commercio. ” Assumere un tale ruolo di leadership incoraggerebbe senza dubbio gli altri a fare lo stesso, contribuendo a un futuro migliore e sostenibile per gli squali. L’IFAW chiede pertanto che si intervenga per proteggere questi animali dall’estinzione». La proposta intende ottimizzare il monitoraggio, combattere il commercio illegale e migliorare le registrazione dei dati internazionali.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini