Lo stretto di Messina è una discarica : ecco i rifiuti trovati sul fondo

Il Giornale dei MARINAI NewsLo stretto di Messina è una discarica : ecco i rifiuti trovati sul fondo
0
(0)

Durante un rilievo batimetrico sui fondali dello stretto di Messina i ricercatori del CNR si sono ritrovati davanti a tonnellate di rifiuti accumulati sul fondale.

Tra queste plastica, materiali edili, barili, scarpe, stoviglie varie, un forno, un albero di Natale, copri wc, pneumatici,  legno ed anche una vettura.

Il fondale dello Stretto di Messina nel tempo ha accumulato una grande quantità di rifiuti.  A rivelarlo uno studio del CNR e dell’Università la Sapienza di Roma (RitMare) dopo un attento studio dei fondali a bordo della Nave Urania del Conisma e della nave oceanografica Universitatis . Lo studio apparso sulla rivista Nature porta la firma di Martina Pierdomenico, Daniele Casalbore e Francesco Latino Chiocci. I rifiuti bentonici segnalati su una distanza di circa 6 chilometri troverebbero una concentrazione maggiore sulla sponda sicilia, ma questo probabilmente è dovuto alle correnti profonde dello Stretto di Messina.

Secondo i ricercatori i rifiuti sono dovuti alla forte urbanizzazione costiera. Una cosa è certa : ormai i nostri rifiuti sono ovunque. E, se fossimo in grado di scandagliare le zone nascoste del mare e degli oceani è certo che avremmo delle orribili sorprese. Basti pensare che persino nella Fossa delle Marianne, una delle zone piu’ nascoste del piante,sono state ritrovate plastiche e microplastiche.

Contare e classificare gli oggetti è stato un lavoro di mesi per Martina Pierdomenico che ha parlato su Repubblica di “Quattromila pezzi in tutto, solo fra quelli identificabili. Quasi la metà ha dimensioni fra 10 e 50 centimetri. La concentrazione maggiore è sul versante siciliano, con un record di 200 rifiuti in 10 metri. L’autovettura invece si trovava sulla sponda calabrese. Una discarica sottomarina che forse mai potrà essere bonificata. Secondo Francesco Latino Chiocci, docente di geologia marina all’università Sapienza di Roma “Quel che accadrà, immagino, è che lentamente i rifiuti saranno ricoperti da fango o da altri rifiuti e un mio collega li ritroverà fra migliaia di anni. Così la nostra epoca verrà ricordata come l’epoca della geo-monnezza”.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfino attacca pesce gatto Perché i delfini decapitano le loro prede ?
5 (2) I biologi marini hanno scoperto alcuni anni fa che alcuni delfini tursiopi del
pesce con amo in pancia Amo : meglio tagliare o slamare ?
5 (1) Una domanda che ci siamo posti un po’ tutti durante le nostre battute
Tonno rosso Stock di tonno rosso : la situazione migliora ed i tonni non sono più in pericolo
5 (5) Quattro specie di tonno pescate commercialmente sono sulla buona strada per il recupero
Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime