Lo scioglimento del ghiaccio costringe gli orsi polari a viaggiare sempre più lontano per trovare cibo

Orso-polare

Negli ultimi anni, gli orsi polari nel Mare di Beaufort hanno dovuto viaggiare molto al di fuori dei loro tradizionali territori di caccia artici, il che ha contribuito a una diminuzione di quasi il 30% della loro popolazione. Secondo un recente studio, l’areale degli orsi, o la quantità di spazio di cui hanno bisogno per cibo e altre risorse, era circa il 64% più grande dal 1999 al 2016 rispetto al 1986-1998.

Secondo un recente studio sulla rivista Ecosphere, nel periodo 1999-2016 l’areale degli orsi, o la quantità di spazio di cui hanno bisogno per cibo e altre risorse, era circa il 64% più grande di quanto non fosse nel 1986-1998.

“Dover viaggiare più lontano significa che gli orsi stanno spendendo più energia che può minacciare la loro sopravvivenza”, ha detto Anthony Pagano, ricercatore post-dottorato presso la School of the Environment della Washington State University e autore principale dello studio. “Se vogliamo preservare l’habitat di questi incredibili mammiferi, allora dobbiamo concentrarci sulla radice del problema, che sta rallentando il cambiamento climatico globale”.

Per lo studio, Pagano e colleghi dell’US Geological Survey hanno utilizzato i dati di localizzazione satellitare per analizzare i modelli di movimento delle femmine di orso dal 1986 al 2016 nell’area del Mare di Beaufort a nord dell’Alaska.

Il loro lavoro ha mostrato che negli ultimi due decenni gli orsi polari hanno dovuto viaggiare più a nord dei loro tradizionali terreni di caccia sulla piattaforma continentale per rimanere nel loro habitat di ghiaccio marino in ritirata.

Estesa per circa 100 miglia a nord dell’Alaska e del Canada, la piattaforma continentale è un habitat di acque poco profonde che contiene molti pesci per la preda preferita degli orsi, le foche.

Durante l’inizio dell’estate, quando le foche stanno svezzando i loro cuccioli e sono più vulnerabili agli attacchi, gli orsi polari attaccano e mangiano sino a raddoppiare il loro peso corporeo.

I dati dei ricercatori mostrano che mentre il ghiaccio sulla piattaforma continentale continua a ritirarsi sempre più in anticipo; gli orsi vengono spostati da questo habitat primario e viaggiano più a nord in acque più profonde dove ci sono meno foche da cacciare.

Un’altra scoperta interessante dello studio è che circa il 20% della popolazione di orsi polari nel Mare di Beaufort rinuncia del tutto ai tradizionali terreni di caccia nel ghiaccio in estate e in autunno. Questi orsi si stanno spostando nell’entroterra lungo la costa dell’Alaska e del Canada alla ricerca di cibo come carcasse di balene che vengono lasciate sulla riva dai pescatori che cacciano i grandi mammiferi.

“Possono arrivare da 50 a 100 orsi polari che si radunano attorno alle carcasse di balene e competono tra loro per il cibo”, ha detto Pagano. 

Ha detto che la cosa migliore che gli esseri umani possono fare per aiutare a preservare i circa 800 orsi polari rimasti nel Mare di Beaufort meridionale è concentrarsi sulla riduzione delle emissioni globali di carbonio, che sono la causa principale del ritiro del ghiaccio marino artico.

Fonte : sciencedaily

Tags :

Share :

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Lascia un commento

Ultimi articoli

Le schede degli organismi marini