L’impatto disastroso delle nanoparticelle d’argento sul fitoplancton

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Poterioochromonas-malhamensis

Per la prima volta, i ricercatori hanno osservato i danni causati dalle nanoparticelle d’argento, ampiamente utilizzate per le sue proprietà antibatteriche, sul metabolismo del fitoplancton, che vanno dalla permeabilizzazione della loro membrana alla ridotta efficienza fotosintetica.

Secondo lo standard ISO (International Organization for Standardization), una nanoparticella corrisponde a un nano-oggetto quindi le tre dimensioni sono su scala nanometrica, cioè dell’ordine di un miliardesimo di metro. Molte di queste particelle circolano nel nostro ambiente, ad esempio nell’aria o nelle acque reflue. Molti prodotti, infatti, utilizzano la nanotecnologia per la loro efficacia.

Un team dell’Università di Ginevra (Svizzera), in collaborazione con l’Università della California a Santa Barbara (Stati Uniti), ha studiato gli effetti delle nanoparticelle d’argento sull’ambiente, in particolare sul fitoplancton, organismi vegetali che vivono sospesi nell’acqua (più precisamente su Poterioochromonas malhamensis ). I loro risultati, pubblicati sulla rivista Scientific Reports , mostrano per la prima volta l’entità dei disturbi metabolici indotti dalle nanoparticelle a seguito dell’assorbimento.

Nanoparticelle ampiamente utilizzate

Il nanosilver, un nanomateriale costituito da atomi di argento, è uno dei materiali sintetici più utilizzati in un’ampia varietà di prodotti di consumo. Ciò è dovuto principalmente alle sue proprietà antibatteriche, che lo rendono un materiale perfettp per industrie che vanno dal tessile alla cosmetica, mentre l’industria alimentare e biofarmaceutica ne sono interessate per lo sviluppo di pesticidi e farmaci. 

L’ampio uso di queste nanoparticelle solleva molte preoccupazioni ambientali, comprese le sue conseguenze per il mondo acquatico: “Poiché il nanosilver è progettato per distruggere, respingere o rendere innocui organismi nocivi come i batteri, gli scienziati hanno capito che potrebbe anche essere dannoso per gli organismi essenziali per il nostro ambiente ” , spiega Vera Slaveykova.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini