Licenze di pesca post-Brexit: ecco cosa accade tra Francia ed Inghilterra

Il Giornale dei MARINAI NewsLicenze di pesca post-Brexit: ecco cosa accade tra Francia ed Inghilterra
5
(3)

Dall’uscita del Regno Unito dalla Comunità Europea, Londra e Parigi si scontrano sul numero di licenze concesse ai pescatori francesi. Le due capitali si minacciano a vicenda.

Continua lo scontro tra Francia e Regno Unito sulle licenze di pesca. Ma Parigi vuole “dare una possibilità e cercare di trovare un accordo con gli inglesi. Continueranno le discussioni su questa disputa, che oppone i due Paesi dall’entrata in vigore della Brexit.

Il presidente francese Macron ha parlato a lungo con Boris Johnson. Emmanuel Macron aveva già trovato il premier britannico per un tête-à-tête di quasi mezz’ora domenica a margine del vertice del G20 a Roma.

Dopo la Brexit, i pescatori francesi devono richiedere nuove licenze di pesca

L’accordo Brexit, concluso in extremis alla fine del 2020 tra Londra e Bruxelles, prevede che i pescatori europei possano continuare a lavorare in acque britanniche, dimostrando comunque di avervi pescato prima. L’accesso all’area ittica di 6-12 miglia, che si estende dal sud del Mare del Nord al Galles, è in teoria garantito alle navi che vi si sono già recate nel periodo di riferimento 2012-2016. Per questo, però, devono richiedere nuove licenze a Londra.

Il settore delle Isole del Canale di Jersey e Guernsey, molto vicino alla costa francese, è oggetto di discussioni più aspre. Ogni imbarcazione deve fornire la prova di almeno undici giorni di pesca in questa zona, tra il 1 febbraio 2017 e il 30 gennaio 2020. Francesi e britannici discutono sulla natura e sull’entità dei documenti giustificativi da fornire , in particolare per le piccole imbarcazioni senza sistema di tracciamento o per imbarcazioni nuove che hanno sostituito un’imbarcazione più vecchia.

Parigi accusa Londra di non rilasciare abbastanza permessi

La Francia critica il Regno Unito per aver concesso troppo poche licenze ai suoi pescatori. In queste due zone di pesca ancora contese, Londra e Jersey avevano concesso poco più di 210 licenze definitive a fine ottobre, mentre Parigi ne chiede ancora 244. C’è quasi il 50% delle licenze a cui abbiamo diritto , ha denunciato il portavoce del governo, Gabriel Attal , uscendo dal Consiglio dei ministri il 27 ottobre.

Il portavoce del premier britannico Boris Johnson ha replicato anticipando una statistica che si discosta molto dalla cifra brandita dai francesi. “E’ importante sottolineare che il 98% delle licenze di pesca è stato concesso”, ha risposto. Ha aggiunto: “Continuiamo a lavorare con il governo francese per concedere di più sulla base delle prove che fornisce”.

Affermazione smentita dal ministro del mare, Annick Girardin“La cifra del 98% delle licenze concesse dal Regno Unito agli europei è falsa” , ha sbottato su Twitter il 28 ottobre. Solo il 90,3% lo era. Certo, il 10% mancante è per i francesi”.

La Francia minaccia il Regno Unito di ritorsioni imminenti

Parigi minaccia di vietare ai pescherecci britannici di scaricare il loro carico nei porti francesi e di rafforzare i controlli doganali su tutti i camion. Queste misure di ritorsione dovevano essere inizialmente applicate da martedì 2 novembre, nelle prime ore del mattino. 

Il ministro del Mare aveva spiegato a metà ottobre di volere una soluzione globale entro il 1° novembre . L’isola di Jersey ha infatti concesso un periodo di un mese – ovvero fino al 30 ottobre – a 70 barche francesi per fornire nuove informazioni e riaprire il caso. Queste navi essendo, per il momento, nella lista rossa, non potranno più pescare nelle acque del Jersey a partire dal 1 novembre.

La situazione è leggermente diversa per Guernsey e le acque britanniche, dove le discussioni rimangono aperte. Guernsey non ha una scadenza e rinnova mensilmente le licenze provvisorie. Il governo autonomo si impegna a continuare a farlo.

“La palla è nel campo degli inglesi” , ha detto Emmanuel Macron dopo la sua intervista a Boris Johnson a margine del G20, domenica 31 ottobre. Il Capo dello Stato ha spiegato di aver consegnato al primo ministro britannico, che chiede la revoca delle minacce francesi di sanzioni, un documento che propone un “metodo” per uno “sviluppo progressivo” delle licenze di pesca. “Se i britannici non si muoveranno, ovviamente dovranno essere messe in atto le misure previste dal 2 novembre perché si porrà fine all’inammissibilità” , ha avvertito il capo dello Stato, dicendo “spero (…) un positivo risposta” .

Londra a sua volta lancia un ultimatum a Parigi

Queste minacce di rappresaglia sono considerate “sproporzionate” da Londra che, fatto raro, ha annunciato a fine ottobre che avrebbe convocato l’ambasciatore francese a Londra, senza specificare una data. Lungi dal placarsi, la tensione si è accentuata prima del G20 con la minaccia di Londra di attuare “rigorosi controlli” sulle barche europee che pescano nelle sue acque.

Al termine del vertice di Roma, mentre Emmanuel Macron parlava in un’altra conferenza stampa, Boris Johnson ha dichiarato che la posizione britannica “non è cambiata” , sottolineando che la discussione con il suo omologo era stata “franca” . Tuttavia, il suo portavoce ha chiarito: “Se il governo francese presenterà proposte per mitigare le minacce che ha fatto, le accoglieremo con favore” .

Il giorno successivo, il ministro degli Esteri britannico ha invitato il governo francese a ritirare le minacce di sanzioni. 

In assenza di una soluzione “entro 48 ore” , il capo della diplomazia ha affermato che il governo britannico farà affidamento sul meccanismo di risoluzione delle controversie previsto dall’accordo commerciale post-Brexit per richiedere “misure compensative” .

Parigi desidera continuare le discussioni

Lunedì sera, Emmanuel Macron  ha  finalmente deciso di dare ancora “una possibilità”  le discussioni proseguiranno dunque nei prossimi giorni. Giovedì a Parigi si terrà una riunione ministeriale, alla quale è invitato il Segretario di Stato britannico per la Brexit, David Frost  , secondo  quanto riferito in serata dall’Eliseo. Il presidente francese ha rinunciato martedì ad applicare misure di ritorsione contro il Regno Unito perché “non è durante i negoziati che imporremo sanzioni”.    

“Le prossime ore sono ore importanti” e “ho capito che gli inglesi sarebbero tornati da noi domani con altre proposte”, ha assicurato Emmanuel Macron. Quest’ultimo ha anche detto di “confidare che il primo ministro britannico Boris Johnson prenda sul serio” le proposte francesi e che le discussioni portino a un “risultato” .

Nel processo, il governo britannico ha accolto con favore il rinvio delle sanzioni francesi. “Siamo lieti che la Francia riconosca che sono necessarie discussioni dettagliate per risolvere tutte le difficoltà del rapporto tra il Regno Unito e l’UE” , ha  affermato il governo britannico.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 3

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Iscriviti alla newsletter del GDM

 

Loading
Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

OSSERVATA UNA RARA MEDUSA GIGANTE IN CALIFORNIA
4.3 (4) I ricercatori del Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI) hanno osservato al largo
sorgenti-idrotermali Sorgenti idrotermali profonde : come prospera la vita a 400°
5 (2) La vita sulla terra è possibile grazie all’acqua, molti organismi sono capaci di
fatti-su-aragosta 26 Curiosità sulle aragoste
4.8 (5) Quanti tipi di aragoste esistono? Esistono al mondo ben 6 specie di aragoste
il-ciclo-vitale-del-pesce-spada Il ciclo vitale del pesce spada
4.4 (11) Il pesce spada (Xiphias gladius), il gladiatore del mare, un ottimo modo per
tonni e fenici Dallo stretto di Gibilterra alla Grecia. Il commercio del tonno in epoca fenicia
5 (6) V secolo AC, circa 2500 anni fa. Una nave fenicia sta salpando dall’area dell’attuale
Il ciclo vitale del tonno rosso
4.4 (22) Come una larva di 3 millimetri si trasforma in un gigante di 400