Liberate 10 caretta caretta dallo staff della Stazione Zoologica Anton Dohrn

Il Giornale dei MARINAI NewsLiberate 10 caretta caretta dallo staff della Stazione Zoologica Anton Dohrn
0
(0)

“Un Tuffo nel Blu”: successo per la liberazione di dieci esemplari di tartaruga “Caretta caretta” effettuata dallo staff della Stazione Zoologica Anton Dohrn

Forte interesse e grande partecipazione di studenti e cittadini per “Un Tuffo nel Blu” giornata dedicata alla divulgazione scientifica sulla tutela delle tartarughe e degli ecosistemi marini organizzata dalla Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, che ha avuto come momento culmine la liberazione di dieci esemplari di  “Caretta caretta”.

Grazie alla collaborazione del Parco Idrotermale Negombo di Lacco Ameno che ha ospitato l’evento, “Un Tuffo nel Blu” è stata un’interessante opportunità  per  sensibilizzare le nuove generazioni al rispetto degli ambienti marini. Stupiti e emozionati gli studenti dell’Istituto Comprensivo Lacco Ameno Vincenzo Mennella che hanno assistito con affettuosa partecipazione alla liberazione in mare di Caprella, Agatha Christy,  Annunziata Stone, Gran Finale, Paolo, Pietro, Eliseo,  Arianna, Carla e ADM, questi i nomi delle dieci tartarughe “Caretta caretta” che, per varie vicissitudini, sono state  portate in salvo dallo staff della Stazione  Zoologica Anton Dohrn di Napoli.

Necessario  sottolineare che Annunziata Stone, Arianna, ADM,  sono state recuperate anche grazie al personale dell’AMP Punta Campanella, da piu’ di 10 anni impegnati con la SZN per la tutela e ritrovamento delle tartarughe marine. Sostenuti dall’aiuto dell’ENPA, è stata messa in salvo la “Caretta caretta”, Carla. Tutti gli esemplari citati sono stati  monitorati, curati e infine liberati con successo nelle acque dell”isola di Ischia. Da segnalare che due esemplari di tartaruga marina sono stati equipaggiati di trasmittente GPS/GSM, strumento capace di registrare dati rilevanti circa le immersioni e la posizione degli animali e di inviarli in formato SMS ai ricercatori. Grazie a questo innovativo sistema  possibile  visionare ogni spostamento che sarà  pubblicato e visibile, con aggiornamento settimanale, sul sito della Stazione Zoologica Anton Dohrn cliccando qui.

Nell’arco della giornata, i giovani partecipanti, attraverso l’opera di insegnamento e di comunicazione portata avanti dai ricercatori della SZN, hanno potuto apprendere, anche tramite la proiezione di appassionanti filmati, una parte della impegnativa attività  che si svolge all’interno della struttura di ricerca. Per l’occasione sono stati esposti i materiali piu’ comuni che creano gravi danni all’ambiente marino a causa della nostra incuria, come lenze da pesca, ami, buste di plastica. Una proficua e stimolante “lezione aperta” che ha visto la partecipazione di Sandra Hochscheid, Responsabile Centro di Recupero Tartarughe Marine, Coordinatore Unità  Acquario, SZN; Maria Cristina Gambi, Coordinatore Laboratorio Ecologia del Bentos, Sede di Ischia, SZN; Domenico Sgambati, Punta Campanella e Regno di Nettuno; il Maggiore Pier Paolo Atzori della Guardia di Finanza, Comandante TV (CP) Alessio D’Angelis per la Capitaneria di Porto di Ischia e Dott. Fabio Nocera dell’ Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno di Portici.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal