Le sarde a beccafico

Mar 20, 2020 By Marcello Guadagnino
3
(2)

Piatto tipico siciliano, le sarde a beccafico sono state riconosciute come prodotto agroalimentare tradizionale italiano dal Ministero delle politiche agricole e forestali.

Questa pietanza prende il nome da una specie di uccello, il beccafico. Questo volatile era in passato considerato una prelibatezza dalla nobiltà siciliana. Il popolo siciliano per preparare una pietanza simile utilizzò le sardine e la mollica di pane. Nacquero cosi le sarde a beccafico.
Oggi le sarde a beccafico sono divenute un piatto tipico della tradizione siciliana. Servite nei ristoranti, preparate nei take away o negli street food, le sardine a beccafico hanno un gusto intenso, ma allo stesso tempo stemperato da ingredienti quali l’alloro, il limone o ancora i pinoli.
Piatto servito freddo, si accosta bene con vini bianchi con buona acidità, morbidi ed equilibrati.

Le sardine per le sarde a beccafico

Al mercato prediligete sarde di media pezzatura per poterle chiudere a libro o ad involtino prima della cottura.

In cucina

Una volta in cucina cominciate con eviscerare le sarde togliendone la testa. Esiste un metodo rapido per pulire le sarde, basta infatti infilare il pollice nel ventre del pesce spingendo sino alla testa. Una volta aperto il ventre potere con la mano sinistra stringere la testa della sardina e con l’indice ed il medio della mano destra staccare i filetti dalla lisca. Il processo è rapido, basta farsi la mano con qualche sardina, il resto sarà rapidissimo.
A questo punto lavate le sarde ed asciugatele con un panno. A questo punto mettete in una padella del pan grattato con aglio ed un cucchiaio di zucchero e fatelo tostare per qualche minuto. Aggiungete prezzemolo tritato, pinoli, uva sultanina, sale, pepe e olio di oliva. Amalgamate il composto e disponetelo sul filetto di una sardina. Per rendere il piatto più vivace create degli involtini arrotolando il filetto di sarda con il ripieno. Prima di chiudere l’involtino aggiungete una foglia di alloro ed una foglia di cipolla.  
Aggiungete un filo d’olio e cuocete in forno a 180° per 15 minuti.

Eviscerate e lavate le sardine

Una volta lavate ed eviscerate le sardine asciugatele e stendetele su di un tagliere.

Farcite le sardine

Farcite le sardine aprendole a libro. Attenzione, la sardina deve poi chiudersi ad involtino per cui non esagerate.

Chiudete le sardine e fissatele con uno stuzzicadenti

Non dimenticate di aggiungere una foglia di alloro ed una foglia di cipolla.

Mettete in forno a 180° per 15 minuti

Buon appetito

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 3 / 5. Conteggio voti: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?