Le meduse più pericolose per l’uomo. Tra le 1.000 specie di meduse recensite, solo qualcuna è fatale per l’uomo: scopriamo insieme quali sono e in quali zone si trovano. Gli incidenti con le meduse sono rari, ma possono essere mortali: nel mese di agosto 2014, un bambino di cinque anni è morto in Thailandia a causa di una puntura di Chironex fleckeri (più nota come vespa di mare o medusa scatola), una delle creature più velenose del pianeta.

8439618 Le meduse più pericolose per l’uomo
Presente nel Pacifico, il Baltico ed il Mare del Nord, la medusa Cyanea capillata ha centinaia di tentacoli che possono raggiungere i 25 metri di lunghezza per ed il metro di diametro. Il suo veleno è potentissimoo e può causare ustioni, irritazioni, crampi muscolari. difficoltà respiratorie e addirittura la morte.
8439620 Le meduse più pericolose per l’uomo
Scoperta qualche tempo fa sulla costa australiana, Keesingia gigas è una specie di medusa gigante (può raggiungere un metro di diametro). Il suo veleno potenzialmente mortale provoca dolore, nausea, vomito e, in casi estremi, ictus e insufficienza cardiaca.

 

8439622 Le meduse più pericolose per l’uomo
Crambione cookii. Questa medusa, lunga più di 60 centimetri, è letale per l’uomo. Questa specie è stata riscoperta nel 2013 al largo della costa del Queensland, in Australia, non si osservava da almeno 100 anni!

 

physalia Le meduse più pericolose per l’uomo
Contrariamente alle apparenze, Physalia physalis, nota anche come caravella portoghese non è una medusa, ma un sifonoforo. Questo strano animale, che galleggia sulla superficie dell’acqua, può raggiungere la lunghezza di 50 metri! Physalia è presente in Atlantico, Pacifico e Indiano. Il contatto con i suoi tentacoli può causare perdita di conoscenza, difficoltà respiratorie, dolore addominale o toracico, vomito, tachicardia, ipertensione o crampi, e occasionalmente la morte.
chironex Le meduse più pericolose per l’uomo
Particolarmente presenti lungo la costa australiana, la medusa Chironex fleckeri è la specie sicuramente più pericolosa per l’uomo: i suoi tentacoli possono uccidere in pochi minuti, causando l’arresto cardiaco. I suoi tentacoli sottili possono raggiungere i tre metri di lunghezza.

 

 

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

2 Commenti

Rispondi a vanessa Cancella la risposta

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui