Le incredibili immagini girate sulla costa delle Isole Faroe che riprendono una balena che esplode.

Una balena spiaggiata è esplosa a causa dell’elevata pressione che si è creata all’interno dello stomaco. Le immagini sono forti e crude. Nel video si vede un uomo vestito con una tuta arancione che si avvicina ad un capodoglio spiaggiato e dopo aver applicato una leggera pressione sullo stomaco del capodoglio, lo stesso esplode “sputando fuori” con forza gli organi interni .

ob_500917_explosion-d-une-baleine-2 Le incredibili immagini della balena che ESPLODEL’esplosione della carcassa di un cetaceo è un fenomeno che può avvenire spontaneamente a causa dei gas esplosivi prodotti dalla decomposizione ed accumulati nell’organismo, oppure può essere provocato artificialmente con dell’esplosivo per distruggere la carcassa stessa.ob_e97cd6_explosion-d-une-baleine-1 Le incredibili immagini della balena che ESPLODE

Una delle esplosioni più note è avvenuta a Florence, nell’Oregon, quando nel novembre del 1970 un capodoglio spiaggiato è stato minato con mezza tonnellata di dinamite dalla Oregon Highway Division nel tentativo di eliminare la carcassa in decomposizione, spargendo grossi pezzi di blubber, carne e organi di balena nel raggio di oltre 240 m, danneggiando le automobili nei dintorni. Tale incidente è divenuto celebre negli Stati Uniti oltre venti anni dopo lo svolgimento dei fatti, quando il noto autore Dave Barry lo descrisse nella sua rubrica sul giornale.

Tra i casi di esplosione spontanea, uno dei più noti è avvenuto a Taiwan nel 2004, quando una carcassa di capodoglio è esplosa in un’area urbana densamente popolata durante il trasporto per una analisi post-mortem.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui