#LAVERALIBERTA’ E’ POSSIBILE! MAI PIU’ ZOO D’ACQUA E DELFINI-CLOWN.

Il Giornale dei MARINAI News#LAVERALIBERTA’ E’ POSSIBILE! MAI PIU’ ZOO D’ACQUA E DELFINI-CLOWN.
0
(0)

#LAVERALIBERTA’ è possibile!

Mai più zoo d’acqua, mai più delfini-clown. A chiederlo sono la LAV e Marevivo, con una nuova petizione che si potrà firmare in centinaia di piazze italiane, presso i tavoli LAV  sabato 29 e domenica 30 marzo e il week end successivo del 5 e 6 aprile, per chiedere al Governo e al Parlamento: · una nuova legge che vieti l’importazione di delfini e di altri cetacei a fini di spettacolo · la dismissione entro tre anni dei delfinari e altre strutture simili · la creazione del primo “rifugio” per delfini. La petizione è stata presentata questa mattina a Roma, mascotte della campagna un delfino alto più di 3 metri che ha richiamato i passanti in Piazza del Popolo.

il video dei delfini liberati

Mai più delfini-clown come al delfinario di Rimini a cui proprio ieri la Corte di Cassazione ha confermato il sequestro preventivo dei quattro delfini Sole, Lapo, Luna e Alfa, primo caso in Italia e in Europa. Questi delfini dunque restano sotto sequestro e non potranno tornare nel delfinario di Rimini, a conferma della fondatezza dell’ipotesi di reato di maltrattamento.

#LAVERALIBERTA’ è possibile: attraverso il progetto del primo “rifugio” per delfini, LAV e Marevivo sperano di poter reinserire questi mammiferi nel loro habitat naturale, per restituirgli la libertà purtroppo negata nei delfinari. Un progetto delicato e complesso, supportato da ragioni scientifiche oltre che etiche, infatti scienziati di fama internazionale come Naomi Rose (biologa marina specializzata nello studio di mammiferi marini, con lunga esperienza nello studio di orche e delfini in cattività. Ha pubblicato più di 30 articoli scientifici, e contribuito a vari libri specialistici. E’ membro del comitato scientifico dell’International Whaling Commission (IWC); collabora con Animal Welfare Institute, a Washington ed è Lecturer in tre Università negli Stati Uniti) confermano che delfini, balene e focene sono tra le specie meno adatte a vivere in cattività in quanto sono animali socialmente complessi (in natura vivono in gruppi anche numerosi), richiedono molto spazio (sono animali che in natura percorrono circa 100 km al giorno), hanno un loro linguaggio e una lunga aspettativa di vita, almeno in natura, che rende difficile accettare la prigionia a vita nelle vasche dei delfinari. Guarda l’intervista a Naomi Rose: http://youtu.be/vNAXHgYnQfI #LAVERALIBERTA’ è possibile: lo testimoniano Tom e Misha, due delfini tursiopi (la specie più utilizzata dai delfinari) che erano detenuti in un piccolo e fatiscente delfinario, ai quali è stata restituita la libertà in mare dopo una fase di riabilitazione durata 20 mesi (dal 2010 al maggio 2013).

naomi-better-jpegGuarda le straordinarie immagini della liberazione di Tom e Misha, fornite da Born Free Foundation. Nel delfinario di Hisaronou, nell’est della Turchia, Tom e Misha erano costretti a nuotare nei loro stessi escrementi, per mancanza di adeguato filtraggio dell’acqua delle piscine. Per salvarli, sono stati coinvolti in un grande progetto di riabilitazione (in particolare per imparate a mangiare in modo autonomo, a cacciare di nuovo i pesci ed essere indipendenti dall’interazione con gli umani) e poi, finalmente, il 9 maggio del 2013 i delfini sono stati rilasciati in mare. Per altri 9 mesi i delfini saranno monitorati con una radio-trasmittente per permetterne la localizzazione; già dopo poche ore dalla loro liberazione sono stati avvistati insieme ad altri gruppi di delfini. “Ai cittadini chiediamo di non andare a visitare i delfinari, per non essere complici di questa inaccettabile prigionia, e di sostenere la nostra campagna sottoscrivendo questa petizione – dichiarano Laura Gentile (Marevivo) e Roberto Bennati (LAV) – Le nostre investigazioni confermano che in Italia i delfinari non hanno alcuna funzione educativa né scientifica o di conservazione della specie, ovvero non rispettano queste caratteristiche obbligatorie per legge, facendo invece spettacolo: un inganno che i cittadini devono conoscere e a cui dobbiamo mettere fine. La denuncia di queste violazioni ha determinato un primo risultato: il sequestro del Delfinario di Rimini, emblema degli zoo d’acqua”. Inoltre, presso i tavoli LAV, il 29 e 30 marzo e il 5 e 6 aprile, sarà possibile sostenere questa campagna scegliendo le nostre tradizionali uova di Pasqua, in buonissimo cioccolato fondente del commercio equo e solidale: un dono generoso per amici e parenti e per gli animali che in questo modo ci aiuterete a salvare.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

1 thought on “#LAVERALIBERTA’ E’ POSSIBILE! MAI PIU’ ZOO D’ACQUA E DELFINI-CLOWN.”

  1. Manuel ha detto:

    Dovrebbe essere cosi anche per il circo. Usare animali a solo scopo di divertimento.
    Tutto parte da una base (mancante) di educazione nei confronti del rispetto della natura, dell’ambiente e degli animali.
    Ma davanti al denaro non c’è nulla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto