L’astice europeo – Homarus gammarus

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email


L’astice (Homarus gammarus) misura spesso da 25 a 50 cm; può raggiungere i 60 cm e un peso di 12 kg. Le chele dei grossi individui sono enormi. Il giovane è di colore blu chiaro e l’adulto è blu scuro o nero; diventa rosso dopo la cottura. L’accoppiamento avviene dopo la muta della femmina. La fecondazione avviene durante la deposizione delle uova. Il numero di uova varia da 5.000 a 50.000 a seconda delle dimensioni della femmina. La schiusa avviene in maggio-giugno. Ci sono tre stadi larvali planctonici e uno stadio post-larvale.

La crescita avviene durante la muta. La longevità del gambero è di diverse decine d’anni. L’astice è abbastanza aggressivo; ha una dieta varia: alghe, idrozoi, molluschi, vermi, echinodermi e talvolta crostacei e pesci. Rimane nel suo rifugio durante il giorno e esce di notte per cercare il cibo. Viene parassitato da vari organismi (protozoi, copepodi, anellidi) ed è colpito da batteri e micosi. È associato a diverse specie (anfipodi, gasteropodi, anellidi) e vive in compagnia del grongo e di gamberetti.

L’astice adulto ha pochi predatori; i giovani possono essere preda di cefalopodi, crostacei, pesci e mammiferi marini. Vive su fondali rocciosi fino a 60 m, raramente oltre. Si trova nell’Atlantico nord dalla Norvegia al Marocco, nel Mediterraneo e nel Mar Nero dove è raro. Principalmente pescato con le nasse (pesca regolamentata), questa specie si è rarefatta a causa della sovrasfruttamento. I tentativi di allevamento non hanno avuto successo.

L’astice é un crostaceo abbondantemente pescato per le sue qualità nutrizionali. Simile all’aragosta, l’astice ne differisce per la presenza di 2 chele (e non solo) che invece mancano nell’aragosta.

L’astice vive su fondali rocciosi fino a cento metri di profondità. Oggi è molto raro in acque poco profonde. Come l’aragosta, l’astice si nasconde tra le rocce con la luce del giorno per uscire a predare di notte.

L’astice (Homarus gammarus) è un crostaceo decapode appartenente alla famiglia Nephropidae. È diffuso nell’Oceano Atlantico nord-orientale, nel Mare del Nord e nel Mediterraneo.
È un animale abbastanza aggressivo, l’astice attacca tutto ciò che è più piccolo di lui, anche altri astici per difendere il territorio o per conquistare una femmina. Può raggiungere i 60 cm e almeno 8 kg, la sua taglia media è compresa tra 25 e 50 cm.
Il suo carapace è bluastro spesso scuro, con le punte delle zampe bianche e le antenne arancioni.Il suo corpo è costituito da un cefalotorace, un lungo, potente addome ripiegato a riposo e una coda.
Nella parte anteriore del cefalotorace si trovano due grandi chele , a differenza dell’aragosta, che ne è sprovvista. Le sue 2 pinze sono diverse : quella più grande, armata di denti irregolari, schiaccia, mentre l’altra, più sottile e armata di una fila di denti seghettati, taglia. Si trovano sia a destra che a sinistra e sono particolarmente potenti.
Gli occhi si trovano su peduncoli mobili e consentendo una visione molto ampia a 180 °..
Le differenze sono visibili tra il maschio e la femmina. Il maschio ha grandi chele e un corpo snello mentre la femmina ha chele più piccole e un addome più ampio.

Specie simili all’astice

L’astice americano Homarus americanus è la specie più simile, ma si distingue per la colorazione dal verde scuro al marrone, le chele sono più larghe e piatte.

Vive in Nord America e non si trova sulle nostre coste. (È stato introdotto nei Paesi Bassi).
Nessuna confusione possibile in Italia.

Alimentazione dell’astice

È un carnivoro, consuma qualsiasi animale che può catturare. Le sue prede sono animali piuttosto lenti, come molluschi, vermi ed echinodermi, ma occasionalmente possono essere crostacei e pesci, animali morti e alghe. Dopo la muta, è stato osservato consumare il suo guscio, possibilmente per “recuperare” il calcio utile per indurire il suo nuovo guscio.
I suoi predatori sono i polpi e l’uomo. 

Riproduzione dell’astice

Animale solitario, l’astice accetta la presenza dei suoi congeneri solo durante la stagione riproduttiva.
I sessi sono separati e l’accoppiamento avviene dopo la muta della femmina, quando la cuticola di quest’ultima è ancora molle. L’accoppiamento è spesso preceduto da preliminari e corteggiamenti. 

Grazie alle sue appendici addominali modificate in organo copulatore, il maschio introduce il suo sperma nel ricettacolo seminale della femmina, che viene immagazzinato in una sacca (spermateca).
La femmina può fecondare le sue uova con lo stesso sperma per almeno due anni consecutivi. Più grande è la femmina, più uova produce. Le uova vengono deposte tra luglio e dicembre. Le uova sono cosi spostate verso le appendici addominali (pleopodi) delle femmine per circa 7-10 mesi. 1/3 delle uova vengono perse durante l’incubazione. Durante la schiusa, la femmina agita i suoi pleopodi per rilasciare le uova.  Si stima che solo 2 o 3 individui della prole raggiungano l’età adulta.
Le larve rilasciate attraversano diversi stadi planctonici  tra aprile e agosto per 1 mese, durante il quale fanno la muta 4 volte prima di diventare post-larve (simile a piccoli adulti) e iniziare una vita bentonica. La temperatura dell’acqua influenza il tempo impiegato dalle larve in questo processo pelagico. Più l’acqua è fredda, più lento è il processo (110 giorni a 10°C, 34 giorni a 18°C). Le larve nuotano sul fondo e trovano rapidamente riparo.
In media, l’astice fa la muta 10 volte il primo anno, 3-4 volte il secondo, 1 o 2 volte il terzo, solo allora una volta e poi sempre meno frequentemente fino a quando la crescita non si è completamente fermata.

astice

L’astice è solitamente parassitato da protozoi, come lo sporozoo del genere Aggregata e la gregarina Porospora gigantea , dal copepode Nicothoe astaci (crostacei) e dagli anellidi Histriobdella homari (vermi). Quest’ultimo si trova nella cavità branchiale o nelle uova. Un anfipode (crostaceo) Isaea elmhirsti sembra vivere stabilmente tra l’apparato boccale dell’aragosta, senza parassitarla.

Biologia

L’astice si osserva particolarmente di notte, perché esce dal suo rifugio per cacciare.  In natura un astice puo’ vivere sino a 20 anni. In cattività ci sono casi di astici che hanno vissuto sino a 50, addirittura c’è chi azzarda 100 anni.


È un crostaceo, il che significa che ha un guscio non elastico. Per crescere deve quindi fare la muta
Il suo guscio è blu quando è vivo, una volta  cotto pero’ diventa rosso. La molecola responsabile è l’astaxantina accoppiata alle proteine ​​per formare un pigmento complesso chiamato crostacianina. Questo complesso molecolare sposta la lunghezza d’onda di assorbimento della luce (va da 472 nm senza crostacianina a 632 nm con). La cottura, coagulando la proteina crostacianina, rilascia astaxantina e la restituisce al suo colore rosso. Va notato per inciso che la colorazione delle uova è dovuta a pigmenti ancora più complessi e ad altissimo peso molecolare, ovvero le lipo-glico-caroteno-proteine.

L’astice è solitamente parassitato da protozoi, come lo sporozoo del genere Aggregata e la gregarina Porospora gigantea , dal copepode Nicothoe astaci (crostacei) e dagli anellidi Histriobdella homari (vermi). Quest’ultimo si trova nella cavità branchiale o nelle uova. Un anfipode (crostaceo) Isaea elmhirsti sembra vivere stabilmente tra l’apparato boccale dell’aragosta, senza parassitarla.

  1. Dimensioni: L’astice europeo può raggiungere una lunghezza di 25-50 cm e un peso fino a 12 kg. Alcuni esemplari possono anche superare i 60 cm.
  2. Alimentazione: Gli astici europei hanno una dieta varia, che include alghe, idrozoi, molluschi, vermi, echinodermi e talvolta crostacei e pesci. Passano le giornate nei loro rifugi e escono di notte per cercare il cibo.
  3. Habitat: Gli astici europei vivono su fondi rocciosi fino a una profondità di 60 m, sebbene raramente siano trovati oltre. Sono presenti nell’Atlantico settentrionale dalla Norvegia al Marocco, nella parte orientale del Mare del Nord e nel Mar Baltico, nonché nel Mediterraneo.
  4. Riproduzione: L’accoppiamento avviene dopo la muta della femmina. La fecondazione avviene durante la deposizione delle uova. Una femmina può deporre da 5.000 a 50.000 uova, a seconda delle sue dimensioni. Le larve si schiudono tra maggio e giugno e attraversano tre stadi larvali planctonici prima di diventare postlarve.
  5. Cattura e commercio: Gli astici vengono principalmente pescati utilizzando trappole per astici. Nel 2008, sono state catturate complessivamente 4.386 tonnellate di astici europei in Europa e in Nord Africa, di cui la maggior parte è stata catturata nelle Isole Britanniche. Gli astici sono altamente apprezzati come alimento e possono essere venduti freschi, surgelati, in scatola o in polvere.

Quanto costa l’astice mediterraneo

Il prezzo dell’astice può variare notevolmente a seconda del luogo di acquisto, della stagione e delle condizioni di mercato. Tuttavia, in generale, l’astice atlantico (Homarus americanus) tende ad essere più economico rispetto all’astice mediterraneo (Homarus gammarus).

L’astice mediterraneo è spesso considerato più pregiato e ha un prezzo medio più elevato rispetto all’astice atlantico. Il prezzo può variare notevolmente in base alla dimensione dell’astice e al metodo di vendita (fresco, surgelato, ecc.). In media, l’astice mediterraneo può costare dai 70 ai 90 euro al chilo o anche di più, a seconda della qualità e del luogo di vendita.

D’altra parte, l’astice atlantico tende ad avere un prezzo leggermente inferiore, con una gamma di prezzi che va dai 20 ai 40 euro al chilo, a seconda del mercato e della stagione.

Tuttavia, è importante notare che questi sono solo valori approssimativi e i prezzi effettivi possono variare considerevolmente.

Quantità di Astici Europei Pescati Annualmente

La pesca dell’astice europeo (Homarus gammarus) varia significativamente da anno a anno e da regione a regione, ma posso darti una stima generale basata su dati disponibili:

  • Produzione annua: La produzione di astici europei può variare notevolmente, ma una stima approssimativa indica che vengono pescati circa 30,000 tonnellate all’anno.

Valore Economico degli Astici Europei

Il valore economico degli astici europei dipende principalmente dalla domanda e dal prezzo di mercato, ma possiamo considerare una stima basata su dati di mercato recenti:

  • Valore economico: Il valore totale della produzione di astici europei può essere stimato intorno a 500 milioni di euro all’anno.

Valore Economico della Pesca dell’Astice Europeo

  1. Valore Totale della Produzione: Il valore economico della produzione di astici europei varia significativamente da anno a anno e da regione a regione. Tuttavia, si stima che il valore totale annuo della produzione di astici europei sia nell’ordine di 500-600 milioni di euro.
  2. Contributo all’Economia Locale: La pesca dell’astice europeo contribuisce in modo significativo all’economia delle comunità costiere dei paesi produttori. Questo settore non solo fornisce lavoro diretto e indotto, ma è anche un motore economico per le attività connesse, come la lavorazione e la commercializzazione del pesce.
  3. Prezzi di Mercato: I prezzi dell’astice europeo possono variare notevolmente in base alla qualità, alla taglia e alle condizioni di mercato. In genere, il prezzo all’ingrosso dell’astice può essere intorno ai 20-30 euro al chilogrammo per i migliori esemplari.
  4. Impatti Economici Regionali: Paesi come Regno Unito, Francia, Irlanda, Norvegia e altri hanno politiche di gestione della pesca che influenzano direttamente la quantità e il valore economico degli astici pescati.

Distribuzione del Valore Economico per Paese

  • Regno Unito: Uno dei principali produttori di astici europei, con una significativa quota di mercato e valore economico generato dalla pesca e dalla vendita di astici.
  • Francia: Importante anche per la pesca di astici, con un mercato robusto e una forte domanda interna ed estera.
  • Italia: Le acque italiane sostengono la pesca di astici, contribuendo al valore economico locale e nazionale.
  • Altri Paesi: Spagna, Albania e Croazia hanno una rilevante produzione di astici, con il valore economico che varia in base alle dimensioni delle flotte di pesca, alla gestione delle risorse e alle condizioni di mercato.

Questi dati offrono una panoramica dell’importanza economica della pesca dell’astice europeo nelle diverse nazioni, evidenziando il suo impatto positivo sull’economia locale e regionale, nonché le sfide legate alla sostenibilità e alla gestione delle risorse ittiche.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 4 Media: 4.3]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini