La verità sull’attacco degli squali alla USS Indianapolis!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
USS Indianapolis

Nel 1945, una nave della marina statunitense fu affondata da un sottomarino giapponese, ma l’affondamento della nave fu solo l’inizio dell’incubo dei soldati.

Quando la USS Indianapolis fu silurata da un sottomarino giapponese verso la fine della seconda guerra mondiale, i 1.195 uomini a bordo avevano solo due scelte: rimanere sulla nave devastata dalle fiamme o tuffarsi in acque infestate da squali.

L’affondamento della USS Indianapolis e il tragico episodio degli attacchi degli squali che hanno causato la morte di così tanti marinai sono diventati uno dei racconti più oscuri della Seconda Guerra Mondiale.

Il 30 luglio 1945, la USS Indianapolis era impegnata nella missione di trasportare la bomba atomica Little Boy dalla base dell’aeronautica di Tinian all’isola di Guam, dove sarebbe stata poi trasferita su un bombardiere per l’attacco ad Hiroshima. La nave era uno dei più veloci incrociatori pesanti della Marina degli Stati Uniti, e aveva appena completato un’altra missione segreta di trasporto a Saipan.

Mentre navigava verso Guam, la nave fu colpita da due siluri lanciati dal sommergibile giapponese I-58. L’esplosione causò la morte di circa 300 marinai, mentre altri 900 si ritrovarono improvvisamente in acqua viste le fiamme che divampavano ovunque.

La maggior parte dei sopravvissuti rimase in mare aperto per quattro giorni e mezzo, senza cibo né acqua, in attesa del salvataggio. Durante questo periodo, furono costantemente minacciati dagli squali che si trovavano nelle acque circostanti.

Secondo i resoconti dei sopravvissuti, gli attacchi degli squali iniziarono già la prima notte, quando i marinai si resero conto che erano circondati da questi pericolosi predatori. Gli squali attaccavano senza pietà, mordendo e strappando i corpi dei marinai che si trovavano in acqua. Molti marinai cercavano di nuotare vicino ad altri compagni in modo da creare un gruppo più grande e difendersi dagli attacchi degli squali.

Gli squali che attaccavano la USS Indianapolis erano principalmente da squali longimano e probabilmente qualche squalo tigre.

Nonostante i loro sforzi per difendersi dagli attacchi degli squali, molti marinai vennero uccisi. Si stima che almeno 150 marinai siano stati uccisi dagli squali durante l’attesa del salvataggio. Alcuni marinai cercavano di usare i giubbotti di salvataggio come protezione contro gli attacchi, ma in molti casi gli squali riuscivano comunque ad aggredirli.

Salvataggio

Il 2 agosto, tre giorni e mezzo dopo l’affondamento della nave, i sopravvissuti sono stati avvistati in mare aperto da un Ventura PV-1 e un PBY-2 Catalina durante una normale volo di pattuglia. Il tenente Wilbur “Chuck” Gwinn e il tenente Warren Colwell del Ventura PV-1 hanno immediatamente lasciato cadere una zattera di salvataggio e un trasmettitore radio, e tutte le unità aeree e di superficie disponibili per il salvataggio sono state inviate sul posto.

Il tenente comandante (USN) Robert Adrian Marks è stato il primo ad arrivare sul posto con un aereo da pattugliamento anfibio PBY-5A Catalina, dove ha individuato i sopravvissuti. Contro l’ordine permanente di non atterrare in mare aperto, Marks ha deciso di far atterrare l’aereo con onde di3,7 m. È stato in grado di manovrare e per raccogliere 56 sopravvissuti, ma lo spazio nell’aereo era limitato, quindi Marks ha dovuto legare alcuni uomini all’ala con il cavo del paracadute. Dopo il salvataggio, l’aereo di Marks è stato affondato dalla USS Cecil J. Doyle, poiché non era possibile recuperarlo.

Molti sopravvissuti, feriti, hanno sofferto la mancanza di cibo e acqua, l’esposizione alle intemperie e gli attacchi degli squali. Solo 316 dei quasi 900 uomini alla deriva dopo l’affondamento sono sopravvissuti, mentre due dei sopravvissuti salvati sono morti nell’agosto del 1945. Centinaia di squali sono stati attratti dal relitto e hanno iniziato ad attaccare i sopravvissuti. Il numero di morti attribuite agli squali varia da poche decine a 150. La maggior parte delle morti della Indianapolis è comunque imputabile all’esposizione, dall’avvelenamento da sale e dalla sete/disidratazione.

Il trailer del film

La tragedia della USS Indianapolis e degli attacchi degli squali rimase per molto tempo un episodio poco conosciuto della Seconda Guerra Mondiale. Solo alcuni giorni dopo il salvataggio dei sopravvissuti, la bomba atomica fu sganciata su Hiroshima, portando alla fine della guerra. Ma la vicenda della USS Indianapolis e degli attacchi degli squali è stata oggetto di numerose indagini e riforme all’interno della Marina degli Stati Uniti.

In particolare, si è scoperto che il mancato avvistamento della nave era dovuto alla mancanza di adeguati controlli e di un piano di comunicazione efficace tra le varie unità della Marina. Inoltre, si è evidenziato che l’equipaggio della USS Indianapolis non aveva ricevuto l’adeguata formazione per affrontare una situazione di emergenza come quella che si è verificata.

Questa tragedia ha portato alla creazione di nuove regole e procedure per la sicurezza dei marinai in mare aperto, compreso il miglioramento della formazione sull’equipaggiamento di sopravvivenza, l’implementazione di sistemi di comunicazione più efficienti e la necessità di garantire la disponibilità di navi di soccorso nelle vicinanze.

La storia della USS Indianapolis e degli attacchi degli squali continua a essere un importante ricordo della Seconda Guerra Mondiale e della lotta degli uomini contro le avversità del mare e della guerra.

USS Indianapolis
Il relitto della nave è stato finalmente localizzato il 19 agosto 2017

Nell’agosto 2017, il relitto di Indianapolis è stato localizzato a una profondità di 5000m dal “Progetto USS Indianapolis”, una nave di ricerca finanziata dal co-fondatore di Microsoft Paul Allen. Nel settembre 2017, le immagini del relitto sono state rilasciate al pubblico.

La morte del capitano McVay

Il comandante Charles B. McVay III, che aveva guidato la nave USS Indianapolis attraverso diverse battaglie fino a novembre 1944, sopravvisse all’affondamento della nave. Anche se era uno degli ultimi a lasciare la nave, fu salvato qualche giorno dopo. Nel novembre 1945, fu processato dalla corte marziale con due accuse: quella di non aver ordinato ai suoi uomini di abbandonare la nave e di aver messo in pericolo la nave stessa. McVay fu assolto dall’accusa di non aver ordinato l’abbandono della nave, ma fu condannato per non aver messo in pratica lo zigzag, che avrebbe potuto evitare l’attacco del sottomarino giapponese. Tuttavia, ci furono molte controversie riguardo alla corte marziale, dato che c’erano prove che la Marina stessa aveva messo la nave in pericolo e che McVay non era stato informato della presenza del sottomarino. Inoltre, il comandante del sottomarino giapponese testimoniò che lo zigzag non avrebbe fatto alcuna differenza. L’ammiraglio di flotta Chester Nimitz concesse la grazia a McVay e lo riportò a servizio attivo. McVay si ritirò nel 1949 come contrammiraglio.

Anche se molti dei sopravvissuti di Indianapolis hanno difeso McVay dall’accusa di aver causato l’affondamento, alcune famiglie delle vittime lo hanno colpevolizzato per la morte dei loro cari. McVay è stato vittima di crescente colpevolizzazione, fino alla sua morte suicida nel 1968, quando si sparò con il revolver della Marina. Aveva 70 anni.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 3 Media: 3]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini