La pesca ed i veleni nella storia d’Europa

Il Giornale dei MARINAI La pesca professionaleLa pesca ed i veleni nella storia d’Europa
3
(2)

Il conflitto non è nuovo e da secoli bagna le acque del Nord Atlantico! Questa zona di pesca (Zona Fao 27) rimane un’area altamente conflittuale. L’espressione “litigare come un pesce marcio” sembra assumere qui il suo pieno significato.

Sono ripresi ieri i negoziati tra Gran Bretagna e Unione Europea con la loro lunga litania e le questioni spinose che stanno infastidendo un po tutti. Tra i punti controversi c’è ovviamente il confine con l’Irlanda del Nord ed il diretto di pesca. Un tema caldo di scarso interesse per i cittadini europei a parte i lobbisti e le industrie della pesca.

Eppure i conflitti intorno alla pesca costituiscono un’epopea senza fine, un’attualità sempre rinnovata dal Medioevo e dall’avvento del Cristianesimo che prescrive di mangiare pesce e quindi richiede che questi arrivino in massa sulle tavole. Il problema è però abbastanza semplice: chi ha diritto di pescare e dove, soggetto radioattivo per eccellenza.

In questi conflitti sulla pesca non manca l’Islanda. Un piccolo paese che non esisteva nemmeno prima del IX secolo, indipendente e poi rapidamente colonizzato dalla Norvegia, a sua volta sconfitta dalla Danimarca che rimarrà sovrano nel paese fino alla seconda guerra mondiale.

Il problema: le acque intorno all’Islanda sono particolarmente ricche di pesce e Germania, Olanda e Gran Bretagna si sono sempre spinti verso Nord alla ricerca del Cod (merluzzo).

Ma l’Islanda ha messo sul tavolo i mezzi per difendere le sue risorse alieutiche abbastanza presto. Nel 2015 un decreto locale in vigore da quattro secoli è stato abolito dal parlamento islandese che aveva autorizzava la caccia alle balene da parte degli spagnoli. 

Dopo l’uccisione di un marinaio inglese sull’isola nel 1532, risultato della rivalità di pesca dell’Inghilterra e della Lega Anseatica, fu interdetto agli inglesi la pesca nelle acque islandesi. Tale divieto duro’ fino al XIX secolo, quando ricomparvero con reti e barche nella regione del Merluzzo e con loro il ritorno dei guai.

I pescatori inglesi e tedeschi ritornarono nelle acque islandesi negli anni ’20, senza rispettare i confini marittimi nazionali. L’Islanda si è poi collocata nel cuore di una guerra: la guerra del merluzzo, iniziata nel 1958 quando ha esteso unilateralmente le sue acque territoriali non più a 3 ma a 12 miglia nautiche per proteggere la sua zona di pesca. . 

il Nord Atlantico diventa cosi un campo di battaglia per il diritto di pesca. 

Un diritto di pesca interpretato in modo divergente fino all’intervento degli Stati Uniti che temendo per lla loro base militare di Keflavik situata nel sud dell’Isola appoggio’ l’Islanda mettendo fine alla guerra del merluzzo.

Una guerra del merluzzo che i paesi dell’Unione Europea vorrebbero evitare di vedere in occasione della Brexit.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 3 / 5. Conteggio voti: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal