La funzione delle dighe

Il Giornale dei MARINAI Biologia marinaLa funzione delle dighe
0
(0)

Nel corso della storia le dighe venivano erette per la risoluzione di svariate problematiche mettendole in risalto come risultato di un progresso tecnologico dai molteplici benefici, infatti le dighe venivano catalogate tra i più potenti mezzi di sistemazione dei torrenti, impedendo il trasporto dei materiali solidi dovuti dalla violenza delle acque.

Sbarrando l’alveo in punti strategici prestabiliti, si può diminuire la pendenza del corso d’acqua agendo quindi anche sulla velocità del fiume che perde la capacità di trasportare solidi. Un secondo scopo attribuito alle dighe è quello di formare grandi serbatoi di piena, ovvero la formazione di grandi laghi artificiali che svolgono un’azione moderatrice sulle piene attuando un invaso momentaneo di enormi quantità d’acqua durante i periodi di massimo carico che viene fatto defluire successivamente in modo controllato e quindi innocuo. Tra i tanti utilizzi delle dighe, bisogna annoverare la regolarizzazione della navigazione dei fiumi in cui il passaggio dei mezzi navali è impossibilitato da profondità insufficienti o da correnti eccessive che impediscono la rimonta del corpo idrico. In questo caso, le dighe vengono erette creando dei sostegni di canalizzazione che possono essere sia fissi che mobili, andando a sbarrare il corso d’acqua e dividendolo in tronchi, in modo tale da garantire un fondale con profondità adeguate al transito navale e ridurre la resistenza alla navigazione. Tra le motivazioni più grandi che hanno spinto l’uomo a edificare opere di sbarramento fluviale, vi è indiscutibilmente la creazione di dighe per acquedotti e per l’irrigazione che prevede la creazione di sbarramenti che vanno a formare laghi artificiali, permettendo la canalizzazione delle acque che dall’invaso raggiungono i beneficiari quali attività industriali, agricole e civili.
Ovviamente, ogni diga può assolvere più compiti, rendendo più efficace la sua presenza, ma senza alcun dubbio, la caratteristica che attribuisce alle dighe la loro importanza nella società moderna è dovuta alla sua funzione di centrale idroelettrica, infatti l’aumento del fabbisogno energetico mondiale del ventesimo secolo ha portato alla ricerca di nuove fonti di produzione dell’energia elettrica fino alla creazione delle centrali idroelettriche che sfruttano la caduta dell’acqua generata dalle dighe trasformando l’energia idraulica in energia meccanica e in fine in energia elettrica. Il primo esempio di centrale idroelettrica lo abbiamo a Nhortumerland in Inghilterra e risale al 1880 quando si tentò di coaudivare la presenza della diga con l’utilizzo dell’energia idraulica sfruttando i grandi spostamenti d’acqua. La tecnologia delle centrali idroelettriche è più o meno la stessa per tutte le dighe e prevede la presenza di grandi bacini di riserva a monte di una diga che possono incanalare flussi d’acqua controllata in condotte forzate fino ad arrivare alle turbine che alimentano i generatori producendo infine l’energia elettrica.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino