Pagro e Pagello, due pesci molto simili che non appartengono allo stesso genere.

Spesso viene fatta confusione tra le specie di pagelli. Ma esiste anche un altro pesce molto simile che non appartiene allo stesso genere ma puo’ creare confusione nel riconoscimento. Stiamo parlando del Pagro, Pairo o Pauro. Per non complicare le cose cercheremo di fare chiarezza tra il pagello fragolino ed appunto il pagro tralasciando il pagello bastardo e l’occhione.

Il pagello fragolino  (Pagellus erythrinus)

Questo pesce vive in Mediterraneo ed in Oceano Atlantico a profondità spesso poco elevate. Solitamente lo si ritrova nei primi 30 metri d’acqua (sopratutto i piu’ giovani) ma puo’ vivere anche su fondali mobili sino a 150 metri. Il pagello fragolino ha una livrea rosata, l’aspetto tipico degli sparidi e la caratteristica di avere dei puntini azzurri lungo tutto il corpo visibili sino a poche ore dopo la cattura.

Il pagro (Pagrus pagrus)

Il-pagro La differenza tra Pagro e PagelloAnche il pagro ha l’aspetto tipico degli sparidi. Come il pagello fragolino frequenta acque costiere costiere sino a 150 metri di profondità e spesso condivide gli stessi areali. Rispetto al pagello, il pagro puo’ raggiungere dimensioni superiori e pesare sino a 15 Kg. Il Pagro presenta delle bande rossastre verticali e le pinne sono prevalentemente di colore rosso.

Come riconoscerli: il colore

pagello-vs-pagro La differenza tra Pagro e PagelloSebbene i due pesci presentino anche altre differenza, quella che veramente permette un riconoscimento rapido e’ sicuramente il colore. Come già detto il pagello fragolino presenta una colorazione tendente al rosa e se catturato da poco tempo sono visibili i puntini blu. Il pagro invece e’ piu’ rossastro con delle bande verticali lungo il corpo con fasce di colore giallo alternate a fasce brune.

3 Commenti

  1. Seppure esista qualche difficoltà di riconoscimento tra Pagello fragolino (Luvaro) e Pagro, almeno quando le dimensioni di quest’ultimo sono modeste, a mio avviso è più importante saper distinguere tra Lanzardo e Sgombro. E ciò perchè, se Pagello fragolino e Pagro sono considerati in fondo entrambi pesci piuttosto pregiati, tra Lanzardo e Sgombro vi è un abisso. Ma i pescivendoli hanno l’abitudine di fare di tutta l’erba un fascio, soprattutto quando tra i pesci le differenze alla vista non sono poi così marcate. Lo Sgombro infatti è un pesce di tutto rispetto per ciò che concerne le carni e il loro gusto, e si presta ad essere cucinato in vari modi, il Lanzardo, fresco o meno che sia, è un pesce di assai poco valore culinario e dal sapore poco gradevole. Lo stesso dicasi tra l’Alletterato e il Tombarello: quest’ultimo è forse il pesce dal gusto meno gradevole del nostro mare. Ancora per dire che tali confronti sono possibili sulla cucina semplice, dove le carni del pesce debbono dimostrare ciò che valgono, ma per fortuna la cucina mediterranea ha tale fantasia da rendere gustoso perfino il Tombarello.
    Comunque, caro Marcello, la tua iniziativa è pregevole e merita un applauso.

  2. Amico Marcello, ricordo bene quell’articolo, ma allora non hai voluto, forse per modestia o forse per non far torto, parlare delle differenza al palato. Occhio al pesce quindi, ma occhio soprattutto al pescivendolo il quale proporrebbe una Salpa per Orata se chi compra non fosse in grado di distinguere le due specie (rispettivamente piombo e oro). Comunque queste tue argomentazioni illustrative sono molto interessanti.
    Ciao.

Rispondi a walter preitano Cancella la risposta

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui