Acquacoltura: entro 2050 sfamerà 9 miliardi persone

Il Giornale dei MARINAI La pesca professionale, NewsAcquacoltura: entro 2050 sfamerà 9 miliardi persone
0
(0)

L’ acquacoltura nel 2050 sfamerà 9 miliardi di persone


 di: Marcello Guadagnino

Migliorare la produttività e le prestazioni dell’acquacoltura. All’inizio di giugno rilasciato un rapporto da WorldFish per la creazione di Sustainable Food

Il rapporto prodotto dal World Resources Institute (WRI), in collaborazione con la Kasetsart University della Thailandia e l’istituto Francese INRA, è composto da una serie di documenti che si concentrano su come trovare nuove strategie per nutrire il pianeta, che nel 2050 raggiungerà una popolazione di nove miliardi.

poster_aquaculture_lettercontour3-01
Le parole chiavi del rapporto sono “pratica” e “risparmio”. Ridurre le perdite di cibo, incrementare le rese e aumentare la produttività.

La cattura dei pesci selvatici non è sostenibile, affermano gli autori del lavoro. Il 30% degli stock ittici sono pescati oltre il loro limite biologico. La risposta si trova nell’ acquacoltura.

Per rispondere alla domanda di prodotti ittici nel mondo, soprattutto in Asia, bisogna far crescere le attività di coltivazione del pesce. Sebbene l’ acquacoltura però crea nuovi posti di lavoro, bisogna cercare di ridurre l’impatto ambientale che tale attività può avere come inquinamento, malattie e danni degli ecosistemi.

I problemi dell’ acquacoltura

Più di un miliardo di persone fa affidamento sul pescato come fonte principale o esclusiva di proteine animali, soprattutto nei paesi in via di sviluppo . Tuttavia, la metà delle zone  marine di pesca naturali ha già raggiunto il limite di utilizzo, e un ulteriore quarto è già sovrasfruttato (FAO 2007). Si sta verificando il cosiddetto fenomeno del “fishing down the food web”: man mano che le riserve di specie di pesci con elevato livello trofico, spesso le più grandi, si esauriscono, i pescatori dirigono la propria attenzione sulle specie con un basso livello trofico, spesso le più piccole. Queste ultime vengono infatti  impiegate con sempre maggior frequenza come alimento e olio  per l’acquacoltura e come alimento negli allevamenti di pollami e suini. L’acquacoltura, che include anche le gabbie mobili in mare aperto (ad esempio, per il tonno rosso), si sta diffondendo  rapidamente, soprattutto in Cina e nell’area del Mediterraneo, e ha contribuito per il 27 % alla produzione mondiale di pescato nel 2000 (Valutazione degli ecosistemi del Millennio 2005a), ma dipende in larga misura dalle zone marine di pesca per alcune materie prime e, considerata da un punto di vista globale, potrebbe non ridurre la nostra dipendenza da tali zone. Il fenomeno del “fishing down the food web” produce impatti variegati sulla biodiversità degli oceani. Ad esempio, le fioriture di meduse che si sono moltiplicate nei mari di tutto il mondo nell’ultimo decennio sono imputate in parte a questa situazione: tali organismi hanno infatti sostituito i pesci nel ruolo di planctivori dominanti in numerose aree e si teme che questi mutamenti possano non essere facilmente reversibili, poiché le meduse si cibano anche delle uova dei loro pesci concorrenti.

Tale perdita di biodiversità potrebbe avere conseguenze disastrose sulla fornitura di pesce alla popolazione umana e sull’economia.

acquacoltura

 

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal