Il pesce fresco mal conservato presenta alti livelli di istamina. Ecco le regole per evitare le intossicazioni

Il pesce fresco mal conservato favorisce la formazione dell‘istamina, mediatore chimico causa di una delle intossicazioni più comuni dei prodotti ittici. Spesso i sintomi da intossicazione si presentano con bruciore all’interno della bocca, diarrea, eruzioni cutanee e forti cefalee.

L’Autorià Europea per la Sicurezza Alimentare, EFSA, ha pubblicato un report sui fattori principali che possono provocare la presenza di istamina nel pesce. Ed è proprio una conservazione sbagliata a provocare la sua presenza. Il pesce una volta pescato va incontro ad un deterioramento rapido e la formazione dell’istamina avviene anch’essa rapidamente. Una volta prodotta l’istamina non può essere in alcun modo smaltita dal prodotto e spesso non è neanche riconoscibile soprattutto in prodotti ittici quali tonno, sardine e sgombri.

triglia-istamina Istamina e pesce fresco: ecco come combatterlaIstamina nel pesce fresco. Conservazione a 0°

Una rapida refrigerazione è la soluzione per evitare la sua formazione. La regolamentazione Europea 853/2004 descrive soltanto come il pesce deve essere conservato.il pesce deve rimanere a contatto con il ghiaccio” ma spesso il ghiaccio soltanto non basta. Nelle cassette di pesce soprattutto di prodotti di piccola taglia il ghiaccio fonde e l’acqua si deposita sul fondo aumentando di temperatura. Una conservazione del pesce diretta e veloce a temperatura di 0° eviterebbe il processo di formazione di Istamina con una maggiore sicurezza per il consumatore.

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui