ISHARKFIN: il software salvasquali

Il Giornale dei MARINAI La pesca professionaleISHARKFIN: il software salvasquali
0
(0)

ISHARKFIN: il software salvasquali

ISHARKFIN

ISHARKFIN E uno speciale software che proteggerà gli squali a rischio estinzione e a combattere il commercio illegale di pinne di squalo.  Sviluppato dalla Fao, in soli 5 minuti è possibile l’identificazione della specie.

Lo strumento sarà utilizzato dagli addetti alla dogana, dagli ispettori portuali e nei mercati ittici in cui manca una formazione specifica in merito al riconoscimento e alla classificazione scientifica delle varie specie, ma sarà anche utile ai pescatori che vogliono evitare la cattura di specie protette, secondo quanto spiegto da Monica Barone, che ha guidato una squadra del Dipartimento Pesca e Acquacoltura della Fao allo sviluppo del software. iSharkFin sarà in grado di aiutare efficacemente le autorità a svelare il mistero sulla reale entità della pesca allo squalo a livello mondiale.

Alla realizzazione di questo progetto si lavora dal 2013, da quando cioè cinque specie di squali sono stati aggiunti alla Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche a rischio d’estinzione (Cites). I dati sul numero di squali uccisi sono molto variabili. Secondo uno studio recente, ricorda la Fao, la cifra potrebbe essere superiore ai 73 milioni di unità, più del 6% dello stock totale annuo.

Ma come funziona questo innovativo sistema di riconoscimento? Si basa su tecniche d’intelligenza artificiale. In pratica l’utente carica una fotografia, sceglie alcuni punti chiave della forma della pinna e anche altri dettagli. A questo punto un algoritmo compara le informazioni con la propria banca dati e identifica la specie di squalo in questione: il tutto in circa cinque minuti. Oltre al software, la Fao sta sviluppando anche un’applicazione di iSharkFin che potrà essere utilizzata sia su tablets che smartphone, ampliandone così la portata e l’impiego.

Finora iSharkFin può identificare 35 specie di squali dalle sole pinne dorsali e sette solo dalle pinne pettorali. La gran parte di queste specie sono quelle più frequentemente commerciate a livello internazionale. Ne saranno aggiunte altre, ma poiché alcune specie stanno diventando abbastanza rare, ci vorrà tempo per raccogliere dati completi. Il software è stato sviluppato con la collaborazione con l’Università di Vigo, in Spagna. Cites e il governo del Giappone hanno fornito un sostegno finanziario.



Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino