Ischia, la Stazione Zoologica Anton Dohrn per “Ocean Acidificatiufon Day”

Il Giornale dei MARINAI NewsIschia, la Stazione Zoologica Anton Dohrn per “Ocean Acidificatiufon Day”
0
(0)

Si è appena concluso l’Ocean Acidification Day, giornata mondiale proclamate per l’8 giugno 2017, durante la quale numerosi istituti di ricerca hanno agito in contemporanea per prelevare campioni di acqua marina da aree di tutto il mondo per verificarne il grado di acidità. Anche in quest’occasione, la Stazione Zoologica Anton Dohrn si è posta in prima linea, in sinergia con i ricercatori dell’OGS, contribuendo attivamente all’iniziativa attraverso specifiche analisi delle acque prelevate dal mare dell’isola di Ischia. L’intento del progetto è stato quello di fissare una “istantanea” che fosse una reale e contemporanea panoramica  dello stato dei nostri mari e dei nostri oceani.
A Ischia i ricercatori, con il supporto della  Phoenicia, l’imbarcazione della SZN,  hanno potuto campionare l’acqua sia dalle zone naturalmente acidificate (vents), che da aree di controllo attorno alla costa dell’Isola Verde. Importante è ricordare che la Stazione Zoologica Anton Dohrn, in particolare presso la sua sede distaccata del Centro di Villa Dohrn-Ecologia del Benthos di Ischia, lavora da più di un decennio per studiare e capire le problematiche collegate al cambiamento climatico a mare, osservandone con attenzione il progressivo processo dell’acidificazione degli oceani. Anche per questo, il Centro di Villa Dohrn è capofila del progetto internazionale “High-CO2 Seas: Assessing the Impacts of Ocean Acidification on Marine Biodiversity and Species Adaptation” finanziato dalla Total Foundation, che vede coinvolti diversi partner internazionali in ambito marino sul problema dell’acidificazione.
Tale progetto mira a integrare tre obiettivi principali, con lo scopo di migliorare la comprensione e ampliare le conoscenze dell’impatto ambientale di uno dei fattori di cambiamento climatico in atto, l’acidificazione degli oceani. Lo studio si basa sulla possibilità di sfruttare in particolare le emissioni naturali sommerse di CO2, di origine vulcanica, dette “vents”, che provocano una naturale acidificazione delle acque marine,  siti attorno all’isola vulcanica di Ischia e che rappresentano vere e proprie “finestre su un futuro prossimo dei nostri mari”, permettendoci di sperimentare, in veri e propri laboratori naturali,  i possibili scenari futuri del cambiamento climatico.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino