Interrogazione Fermo Biologico

Il Giornale dei MARINAI La pesca professionaleInterrogazione Fermo Biologico
0
(0)
ROMA, 04.06.17 – Uno dei punti di maggiore dibattito nel mondo delle marinerie italiane e dell’Adriatico soprattutto è senza ombra di dubbio quello sul fermo biologico.
Un argomento che difficilmente negli ultimi trent’anni ha messo d’accordo il mondo ittico e ci sono criticità relative anche al sistema di indennizzi e di ammortizzatori sociali legato al periodo di stop imposto all’attività della pesca.
L’onorevole dem Laura Venittelli, responsabile nazionale delle politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina e al Ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, per sapere a fondo come stia l’attuale situazione relative alle numerose questioni correlate al fermo biologico.
Nel testo dell’atto ispettivo l’onorevole Venittelli evidenzia che a seguito di recenti innovazioni legislative, dal 2017, non è più possibile utilizzare la Cassa integrazione straordinaria in deroga per sostenere il reddito dei pescatori nel caso di sospensioni temporanee dell’attività di pesca per condizioni meteorologiche avverse e per ogni altra causa – organizzativa o ambientale – non imputabile al datore di lavoro, ad esempio per la  presenza di mucillagine, e nel caso di arresto temporaneo obbligatorio, (cosiddetto “fermo biologico”.
 “Il fermo biologico è un adempimento derivante da una decisione dell’Unione europea ed è prevedibile e ciclico, il periodo viene individuato infatti annualmente da un decreto del Mipaaf, mentre il ricorso alla Cassa integrazione straordinaria è consentito in caso di situazioni “imprevedibili” – sottolinea la parlamentare dem, che aggiunge – anche il sistema ordinario rappresentato dalla Cassa Integrazione Salariale Operai dell’Agricoltura (Cisoa) – applicato attualmente ai braccianti agricoli e/o operai dell’agricoltura assunti a tempo indeterminato con almeno 180 giorni di lavoro annuali al proprio attivo – non è stato ritenuto applicabile al settore della pesca in quanto i rapporti di lavoro sono prevalentemente a termine e gli addetti raggiungono di rado i 180 giorni lavorativi nell’arco dell’anno; inoltre, una nota elaborata dagli uffici dell’Inps ha evidenziato l’insostenibilità economica di tale soluzione;
per i motivi descritti, con la legge di bilancio 2017 si è cercato di fornire una risposta concreta al problema mediante l’istituzione di un Fondo di Solidarietà per il Settore Pesca (Fospe) – assimilabile ai fondi di integrazione salariale previsti dall’art.26 del D.Lgs 148/2015 – che ha come scopo la tutela, in costanza di rapporto di lavoro, del reddito dei lavoratori delle imprese di pesca; tuttavia il Fondo ha una dotazione iniziale di solo 1 milione di euro a carico del bilancio dello Stato per l’anno 2017 e prevede la contribuzione ordinaria, ripartita tra datori di lavoro e lavoratori nella misura, rispettivamente, di due terzi e di un terzo”.
“Da ultimo – conclude il deputato componente della XIII commissione della Camera – la proposta di riforma del settore ittico contiene una delega al governo per ristrutturare il sistema degli ammortizzatori sociali nella pesca, allo scopo di sostenere il reddito e di favorire la tutela dei livelli occupazionali degli operatori della pesca in tutti i casi di sospensione dell’attività e di individuare forme alternative di impiego; questa situazione ancora indefinita si ripercuote pesantemente sulle aziende e sui lavoratori della pesca, che lamentano l’assenza da parte del governo di adeguate tutele a sostegno del reddito in un comparto fortemente esposto alle incertezze conseguenti alle avversità meteorologiche, alle crisi di mercato e all’inquinamento ambientale; a quanto risulta gli indennizzi agli armatori di tutte le regioni italiane non sono stati corrisposti, in particolare, è giunta segnalazione all’interrogante che la cooperativa Lavoratori del mare di Rimini ed altre realtà delle regioni Marche, Abruzzo e Molise ad oggi non hanno ancora ricevuto il pagamento del fermo pesca obbligatorio del 2015 e del 2016 e tutte esprimono forte preoccupazione per l’anno in corso, poiché il periodo di fermo biologico si avvicina e la costituzione definitiva del Fondo di solidarietà per i lavoratori della pesca sta incontrando molte difficoltà”.
Con questa interrogazione, sottoscritta anche dai colleghi Fusilli e D’Incecco, l’onorevole Venittelli chiede ai Ministri Martina e Poletti se siano a conoscenza dei fatti esposti in premessa e quali siano le cause del mancato pagamento del fermo pesca obbligatorio del 2015 e del 2016; in generale quale sia lo stato dell’arte dei pagamenti per il fermo pesca obbligatorio degli anni 2015 e 2016; quali decisioni intendano assumere in relazione all’adozione di strumenti di tutela del reddito per le imprese e i lavoratori della pesca.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto