Intensa attività di recupero di piccole tartarughe marine moribonde in Emilia Romagna e Marche.

Il Giornale dei MARINAI NewsIntensa attività di recupero di piccole tartarughe marine moribonde in Emilia Romagna e Marche.
3.7
(3)

Le scorse settimane hanno visto un intensificarsi delle attività di recupero lungo le coste emiliano romagnole e marchigiane.

Sono 15 le tartarughe fortemente debilitate recuperate nelle ultime due settimane fra Ancona e Cesenatico a seguito delle frequenti mareggiate, tutti esemplari di piccole dimensioni (sui 20-24 cm) con un peso fra gli 800 g e il chilo che si vanno a sommare alle 7 ospedalizzate per le stesse ragioni fra luglio e settembre.

Queste giovani Caretta caretta condividono, oltre le stesse caratteristiche “morfometriche” (dimensione e peso), la stessa sintomatologia: magre, affette da decalcificazione, anemia, carenze vitaminiche, disfunzionalità renale e infestate da epibionti, principalmente i balani (comunemente detti denti di cane), quest’ultimo fenomeno che si manifesta in esemplari deboli rimasti a lungo immobili. Purtroppo, ben lungi dalla nostra solita percentuale di “riuscita”, in questa occasione circa il 75 per cento delle tartarughine recuperate è morta nelle prime 24 ore dal recupero, nonostante l’immediato intervento della nostra equipe veterinaria. Per indagare questo fenomeno, che ricorda eventi occasionali già affrontati nella storia della Fondazione Cetacea degli ultimi 15 anni, le tartarughe morte sono state recapitate all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Ferrara e all’Università di Camerino dove sono in corso necroscopie e esami approfonditi per definire le cause della loro sindrome da debilitazione cronica.

Ricordiamo che in caso di ritrovamento di tartarughe vive bisogna contattare immediatamente la Capitaneria di Porto oppure il nostro numero delle emergenze 3345688320.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 3.7 / 5. Conteggio voti: 3

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Iscriviti alla newsletter del GDM

 

Loading
Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

OSSERVATA UNA RARA MEDUSA GIGANTE IN CALIFORNIA
4.3 (4) I ricercatori del Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI) hanno osservato al largo
sorgenti-idrotermali Sorgenti idrotermali profonde : come prospera la vita a 400°
5 (2) La vita sulla terra è possibile grazie all’acqua, molti organismi sono capaci di
fatti-su-aragosta 26 Curiosità sulle aragoste
4.8 (5) Quanti tipi di aragoste esistono? Esistono al mondo ben 6 specie di aragoste
il-ciclo-vitale-del-pesce-spada Il ciclo vitale del pesce spada
4.4 (11) Il pesce spada (Xiphias gladius), il gladiatore del mare, un ottimo modo per
tonni e fenici Dallo stretto di Gibilterra alla Grecia. Il commercio del tonno in epoca fenicia
5 (6) V secolo AC, circa 2500 anni fa. Una nave fenicia sta salpando dall’area dell’attuale
Il ciclo vitale del tonno rosso
4.4 (22) Come una larva di 3 millimetri si trasforma in un gigante di 400