Inaugurato a Portici il nuovo Centro Ricerche Tartarughe Marine e Osservatorio del Golfo di Napoli

Il Giornale dei MARINAI NewsInaugurato a Portici il nuovo Centro Ricerche Tartarughe Marine e Osservatorio del Golfo di Napoli
0
(0)

Nella sede dell’Ex Macello Comunale, il Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn, Roberto Danovaro , ha tagliato il nastro insieme all’ Assessore per l’Internazionalizzazione, Innovazione e Startup Regione Campania, Valeria Fascione e al Commissario Prefettizio del Comune di Portici, Roberto Esposito.

“E’ con grande orgoglio che inauguriamo a Portici la nuova sede del Centro Ricerche Tartarughe Marine e dell’ Osservatorio del Golfo di Napoli. Per la Stazione Zoologica Anton Dohrn significa dare ai cittadini la possibilità di conoscere e ammirare le nostre eccellenze. In questa unica sede, dove convivono Osservatorio del Golfo di Napoli e Centro Tartarughe, abbiamo strumentazioni e professionalità all’avanguardia al fine di migliorare la qualità della vita del Mare e del Paese”
con queste parole Roberto Danovaro, Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, suggella il taglio del nastro del Centro Ricerche Tartarughe Marine e dell’ Osservatorio del Golfo di Napoli, avvenuto in sinergia con le forze dell’Ente di Ricerca, la Regione Campania e il Comune di Portici.

Roberto Danovaro, Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli

Presenti l’Assessore per l’Internazionalizzazione, Innovazione e Startup Regione Campania, Valeria Fascione e il Commissario Prefettizio del Comune di Portici, Roberto Esposito.

La nuova sede inaugurata presso i locali dell’ex Macello Comunale, concesso in comodato ventennale dal Comune di Portici, si avvia a diventare così luogo di ricerca e divulgazione scientifica per l’intero Paese.
Grande partecipazione dei cittadini e degli addetti ai lavori che hanno potuto ammirare
il più grande nucleo di ricerca sulle Tartarughe Marine del Mediterraneo, raccogliendo l’eredità e l’esperienza del
Turtle Point di Bagnoli.
“L’attuale sede prevede una struttura capace di rendere visibile le tartarughe, monitorate e curate, mostrando, senza alcun filtro, il nostro quotidiano lavoro” – sottolinea Sandra Hochscheid, Responsabile Centro Ricerche Tartarughe Marine SZN.

La Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli

Scolaresche, cittadini curiosi e ricercatori hanno potuto visitare la nuova sede che si sviluppa su 600 mq coperti e oltre 7.000 mq scoperti, una struttura maestosa che ospita laboratori avanzati per le analisi ambientali, un ambulatorio con sala chirurgica e radiologica per le tartarughe marine, oltre ad una ricca esposizione didattica.
Il Centro si avvale di una tecnologia multimediale interattiva fruibile a tutti coloro che visiteranno la sede.
Turisti, cittadini e professionisti del settore, saranno in grado di conoscere i problemi ambientali che affliggono il Mar Mediterraneo oltreché seguire le migrazioni e il comportamento delle tartarughe marine rilasciate dopo le adeguate cure di riabilitazione, grazie agli avanzati sensori di cui saranno dotate.
Con questo nuovo progetto
la Stazione Zoologica Anton Dohrn, in stretta collaborazione con le Università e gli Enti di Ricerca, vuole promuovere e sviluppare la ricerca scientifica per la tutela della risorsa mare ed essere strumento esecutivo e di servizio per le Istituzioni, la Scuola, la Pubblica Amministrazione.

“Grazie alla nuova sede di Portici ci avviamo a difendere il mare, monitorarlo e curarlo, con lo scopo di permettere anche una nuova educazione culturale in difesa dell”ambiente marino” – questo è uno dei propositi dell’Ente di Ricerca, come ha spiegato il Direttore della SZN, Vincenzo Saggiomo.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfino attacca pesce gatto Perché i delfini decapitano le loro prede ?
5 (2) I biologi marini hanno scoperto alcuni anni fa che alcuni delfini tursiopi del
pesce con amo in pancia Amo : meglio tagliare o slamare ?
5 (1) Una domanda che ci siamo posti un po’ tutti durante le nostre battute
Tonno rosso Stock di tonno rosso : la situazione migliora ed i tonni non sono più in pericolo
5 (5) Quattro specie di tonno pescate commercialmente sono sulla buona strada per il recupero
Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime