Il granchio del cocco


1

I granchi del cocco della specie Birgus latro sono cosi grandi e pesanti che non possono entrare in acqua, ne tantomeno nuotare. Ma le femmine devono comunque sfidare le maree per deporre le uova. Una mossa sbagliata e rimarrebbero uccise.

E’ incredibile vedere con che agilità un granchio gigante salga sulle palme per raccogliere i cocchi di cui si nutre. La mancanza di mammiferi di grossa taglia ha permesso a questa specie di aumentare la propria dimensione e conquistare l’ambiente costiero di poche isole tra l’oceano Indiano e l’oceano Pacifico. Ad oggi è il più grande artropode vivente, può raggiungere largamente il metro di lunghezza e pesare sino a 20 Kg anche se la taglia standard è 50 cm per 4 Kg. Il granchio più grande del mondo sembra non avere rivali ma le femmine invece rischiano la vita ad ogni deposizione di uova.

il-granchio-più-grande-del-mondo Il granchio più grande del mondo

Il granchio più grande del mondo

Questi animali, non essendo dei nuotatori e non potendo respirare sott’acqua, evitano il mare per buona parte della loro vita, ma la deposizione delle uova deve invece avvenire in mare. Dunque è la marea a comandare la deposizione delle uova. La femmina ovigera dunque aspetta la bassa marea per entrare in acqua e rilasciare le uova, che sono in grado di respirare sott’acqua sino a quando lasceranno l’oceano.

granchio-birgus-latro Il granchio più grande del mondoQuesto granchio viene talvolta chiamato “granchio ladro” (in inglese robber crab) o “ladro delle palme” (in tedesco Palmendieb), perché alcuni granchi del cocco rubano oggetti luccicanti come padelle e argenteria da case e tende. È anche noto come terrestrial hermit crab (“paguro terrestre”), a causa dell’uso di conchiglie da parte dei giovani individui (tuttavia il termine paguro terrestre si applica anche ad altri paguri terrestri, come per esempio il paguro terrestre australiano Coenobita variabilis). Il granchio del cocco ha differenti nomi locali, come, ad esempio, ayuyu a Guam, unga o kaveu.

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui