Il ghiozzo paganello – Gobius paganellus

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Gobius paganellus

Il ghiozzo paganello vive in mar Mediterraneo, mar Nero e in Atlantico orientale, è presente anche nel canale della Manica.

Il Ghiozzo paganello vive in acque poco profonde sino ad un massimo di 10m di profondità. Ama nascondersi sotto pietre e ciuffi di alghe ma lo si ritrova anche su fondali fangosi. È molto comune trovarlo nelle pozze di scogliera. Ama anche luoghi bui come fessure e rocce. Non rara la sua presenza nei portii. Riesce anche a penetrare temporaneamente in zone di acqua da salmastra e dolce, sopportando così notevoli variazioni di salinità.

Il ghiozzo paganello è un pesce dalla testa massiccia, corpo tozzo e cilindrico che può raggiungere i dodici centimetri di lunghezza.
La livrea può essere di colore molto variabile, dal marrone chiaro al marrone molto scuro , talvolta screziato, talvolta maculato, a seconda dell’ambiente e dell’umore dell’individuo.
Gli occhi sono abbastanza grandi e prominenti , questa è una caratteristica generale dei ghiozzi. In Gobius paganellus , a volte è visibile una striscia bianca obliqua sotto l’occhio. Le labbra sono spesse, rivolte verso il basso come nella maggior parte dei Gobiidae. La testa è ricoperta di squame .
Le pinne pettorali hannp sulla sommità quattro (a volte tre) raggi spinosi liberi in appendici filamentose.
Gobius paganellus ha due pinne dorsali, la prima dorsale è arrotondata . L’apice della prima pinna dorsale presenta una fascia colorata dal giallo all’arancione di tonalità diverse a seconda del sesso.
Il ghiozzo paganello usa le pinne pelviche (fuse in un disco ventrale che funge da ventosa) per ancorarsi sul fondo.
I giovani mostrano una macchia blu-nera sul dorso della loro prima pinna dorsale.
I maschi riproduttori vanno dal viola al quasi nero e le loro pinne sono bordate di chiaro.

SPECIE SIMILI

  • Gobius niger (Linnaeus, 1758) (ghiozzo nero):
    si differenzia principalmente per le dimensioni (da 15 a 20 cm) e per la prima pinna dorsale molto sviluppata. Colorazione marmorizzata. Il maschio riproduttore è molto scuro. G. niger vive principalmente in acque salmastre e inquinate come estuari, porti, canali o lagune.
  • Gobius cobitis Pallas 1811 (ghiozzo testone):
    Stessa distribuzione e stessi habitat di G. paganellus . Può raggiungere i 25cm. La prima dorsale non ha labanda gialla.  Il maschio riproduttore ha una livrea nerastra.
  • Gobius ater Bellotti, 1888 (ghiozzo di Bellotti):
    Specie mediterranea abbastanza rara che presenta un sottile bordo netto sulla prima pinna dorsale; non supera i 7 cm e frequenta piuttosto lagune e praterie di posidonia.

ALIMENTAZIONE

Il ghiozzo paganello, come la maggior parte dei suoi congeneri, è carnivoro. Molto vorace, si nutre principalmente di prede vive.
A seconda dell’età, piccoli crostacei bentonici (anfipodi, isopodi, granchietti, ecc.) o planctonici (mysids), larve di ditteri, vermi policheti come nereis, persino alcuni echinodermi come piccole stelle marine o piccoli pesci.

RIPRODUZIONE

Specie ovipare.
Il periodo di riproduzione di questo pesce va da gennaio a giugno in Mediterraneo, da aprile a giugno nella Manica. Dopo che la femmina ha deposto le uova (diverse migliaia di uova fusiformi) sotto un anfratto della roccia, spesso nel guscio di un bivalve vuoto, in un tubo polichete o in una tunica di ascidia, il maschio prende cura di accudire e garantire la sopravvivenza delle uova fino alla schiusa (una ventina di giorni). Le larve (da 4 a 5 mm) sono planctoniche. Raggiunto circa un centimetro, i giovani ritornano vicino al substrato fino ad adottare il comportamento degli adulti.
La maturità sessuale di Gobius paganellus avviene intorno ai due o tre anni.

Promemoria: Il maschio riproduttore, nerastro, si distingue dalla femmina anche per il colore molto più acceso della fascia gialla situata sulla prima pinna dorsale.

È possibile che Gobius paganellus possa ibridarsi con Gobius cobitis Pallas, 1811 (FAO).

BIOLOGIA

Una particolarità specifica dei Gobiidae riguarda le pinne pelviche. Queste, situate subito dietro la testa, sono saldate insieme, a forma di ventosa. Se il potere di fissazione e di adesione di questo organo permette probabilmente solo al ghiozzo pagano di atterrare sul substrato o addirittura di mantenersi in una posizione alquanto instabile, resta il fatto che l’osservazione di questa “ventosa” e della sua forma è un fattore decisivo criterio per il riconoscimento di molte specie di ghiozzi.

Si ritiene che Gobius paganellus possa vivere sino a dieci anni.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Specie molto comune, il ghiozzo paganello è un pesce innocuo e poco timido. Non è raro vederlo condividere il suo territorio con altre specie di ghiozzi ( Gobius luteus, Gobius auratus … ).
Tuttavia, abbastanza territoriale, può difendere il suo territorio dai congeneri della stessa specie.
Sebbene sia relativamente facile da avvicinare, se spaventato si rifugia immediatamente nella fessura più vicina.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini