Il dattero di mare – Lithophaga lithophaga

Il Giornale dei MARINAI I molluschi, Organismi mariniIl dattero di mare – Lithophaga lithophaga
4.8
(5)

Dalla superficie sino a 25m di profondità vive il dattero di mare, nascosto tra fori scavati dal dattero stesso nella roccia calcarea. Il mollusco bivalve riesce, grazie ad una perforazione chimica a bucare letteralmente la roccia per nascondersi all’interno.

Questa perforazione avviene grazie alle ghiandole che secernono mucoproteine, acidi specifici e particolari movimenti della conchiglia.

Una parte del mantello è estroflessa oltre le valve, nella zona di perforazione, e tocca la galleria. Il meccanismo chimico che porta alla dissoluzione del calcare viene attivato da una mucoproteina, secreta da alcune ghiandole del mantello, che forma un complesso con lo ione Ca++ del substrato.

Le ghiandole secernono mucoproteine ​​che si legano al calcio della roccia (si dice anche “che chelano” il calcio), e provocano così la dissociazione del calcare. La data stessa è protetta da questa dissoluzione chimica dal suo spesso periostraco.

Le gallerie creati dai datteri di mare sono cilindriche e perpendicolari alla superficie del substrato.

Il dattero di mare Lithophaga lithophaga vive fissato alla parete grazie al bisso . Ha la particolarità di potersi staccare, quindi riattaccarsi, permettendo così un movimento rotatorio della conchiglia nella cavità, necessario per la perforazione della roccia.

Il dattero di mare è un bivalve con valve simmetriche, allungate ed oblunghe , che formano un cilindro posteriormente compresso , un po’ allargato al centro, e con bordi arrotondati. Di solito è lungo da 5 a 8 cm e può raggiungere i 12 cm. È ricoperto da uno spesso periostraco.

L’esterno della conchiglia è segnato da linee di accrescimento concentriche , più o meno spesse, e da sottili linee trasversali nel mezzo. È di colore bruno o rosso mentre l’ interno delle valve è grigio-azzurro chiaro, con riflessi perlati .

Specie simili

Pholas dactylus e   Barnea candida  sono due specie che perforano anche le rocce ma le valve sono bianche e hanno caratteristiche punte nella parte anteriore.

Cosa mangia

I datteri di mare si nutrono filtrando il fitoplancton e le particelle organiche sospese nella colonna d’acqua.

Riproduzione

Questa specie si riproduce solo quando raggiunge i 3 cm di lunghezza.

I sessi sono separati e la riproduzione avviene tra la primavera e l’estate. Gli individui maturi rilasciano spesso i loro gameti * dopo un calo della concentrazione di ossigeno disciolto.

Lo stadio larvale inizia ad ottobre: ​​le larve  sono planctoniche , con una grande capacità di dispersione. Si attaccano quando la loro dimensione raggiunge i 260 µm.

Il tasso di crescita è molto lento poiché dopo 3 anni la data misura solo un centimetro. Ad esempio, un individuo di 8,16 cm ha avuto un’età di 54 anni dalle strisce di crescita.

Saperne di più

Il dattero di mare è una specie pioniera, all’origine di una comunità di organismi bentonici  sessili  tra cui spugne, cnidari, policheti sedentari, ascidie, briozoi e alghe incrostanti.

Una buca di datteri di mare abbandonata viene spesso utilizzata come rifugio per giovani aragoste .

Anche la bavosa Parablennius zvonimiri sceglie questi buchi abbandonati per stabilirsi.

Oltre al polpo, la stella marina glaciale, Marthasterias glacialis , sembra essere il principale predatore del dattero di mare.

Lyell, uno dei precursori della geologia contemporanea, osservò che le colonne alte 12 m del tempio di Serapide vicino a Pozzuoli, nel Golfo di Napoli, hanno fori praticati dal mare datate ad un’altezza di 3,6-6,6 m. Concluse che il pavimento del tempio si era abbassato sotto il livello del mare e poi si era rialzato. Ciò gli aveva permesso di evidenziare le variazioni del livello del litorale durante i periodi storici.

La pesca del dattero in Italia

La pesca dei datteri provoca una profonda alterazione dei fondali marini rocciosi 

A causa delle tecniche distruttive utilizzate dai datterai, il consumo, la detenzione, il commercio e la pesca dei datteri sono vietati in tutti gli stati dell’Unione europea. La pesca dei datteri viene praticata (oggi solamente da bracconieri) da subacquei che con un martello rompono letteralmente la roccia per raccogliere i datteri presenti all’interno. In questa maniera vengono distrutti dei biotopi. Ad oggi la pesca di frodo dei datteri di mare viene ancora praticata ed é il prezzo di questi molluschi che può superare i 100 euro al Kg che porta i bracconieri a sfidare le autorità. In caso di fermo il pescatore potrà essere punito con una pena che può andare sino ai 2 mesi di carcere ed una multa sino a 12.000 euro.

Sappiate che anche consumarli è reato.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 4.8 / 5. Conteggio voti: 5

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Iscriviti alla newsletter del GDM

 

Loading
Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

siluro giallo Curiosità : Uomo pesca un siluro di colore giallo in Olanda
3.7 (6) Eccezionale cattura per un pescatore olandese che ha portato fuori dall’acqua un pesce
Primo avvistamento di squalo balena in Mediterraneo
4 (45) Una notizia che sprima o poi sarebbe arrivata, uno squalo balena è entrato
spada israele cavalieri crociate templari Un subacqueo israeliano trova una spada appartenuta ad un crociato
3.6 (8) Un subacqueo israeliano ha scoperto una spada ancora intatta appartenuta a un cavaliere
Abusi nel campo della miticoltura: scattata all’alba l’operazione “Oro di Taranto”.
4 (18) Continua, senza sosta, l’attività della Guardia costiera di Taranto, delle Autorità locali e
plancton Il cambiamento climatico influenzerà negativamente le comunità planctoniche
5 (1) Le simulazioni suggeriscono che le interazioni tra le comunità di plancton (la miriade
Studio: 3.760 tonnellate di plastica ricoprono il Mar Mediterraneo
3.8 (4) Circa 3.760 tonnellate di plastica galleggiano attualmente sulla superficie del Mar Mediterraneo, una