I predoni del Po ed un fiume oramai devastato

Il Giornale dei MARINAI NewsI predoni del Po ed un fiume oramai devastato
0
(0)

Che siano ungheresi o rumeni poco importa. Sono tutti comunque armati di elettro-storditori, prodotti chimici letali per la flora e la fauna, reti ed ami oltre che di camion pronti a partire. Ecco chi sono i predoni del Po.

Hanno cominciato a razziare pesce negli anni novanta. In principio erano gli ungheresi a praticare metodi invasivi ed illegali per catturare il pesce. Poi sono arrivati i lipoveni, pescatori rumeni di origine russa che si sono stanziati da diversi secoli alle foci del Danubio. Forzati ad abbandonare le loro zone di pesca dopo che il delta del Danubio e’ diventato Patrimonio UNESCO, i lipoveni si sono poi spostati vero altri corsi d’acqua arrivando sino in Italia per saccheggiare il Po con una pesca illegale intensiva che ha messo in ginocchio le acque già compromesse dall’inquinamento.

Ecco quali sono le tecniche illegali dei predoni del Po

Razziano il fiume prevalentemente di notte, quando cala l’oscurità le sponde del fiume sono praticamente un ricettacolo di specie e per i pescatori di frodo non e’ difficile piazzare in acqua centinaia di metri di rete per la cattura delle specie ittiche. Spesso utilizzano piccole imbarcazioni per ancorare le reti da parte a parte delle sponde per poi ritirarle prima dell’alba. Il ritiro delle reti pero’ può avvenire anche diversi giorni dopo e in questa maniera non solo viene ostacolato il flusso delle specie ittiche lungo il fiume, ma si viene a creare una vera e propria barriera che separa il corso d’acqua bloccando a monte anche specie di scarso interesse economico che poi vengono gettate nel fiume prive di vita una volta tolte dalle reti. Oltre le reti i predoni utilizzano elettro-storditori e veleni che una volta gettati in acqua spingono le prede verso la rete.

pesca illegale sul fiumer POUna volta tirate su le reti il pesce viene caricato in furgoni spesso privi di cella frigorifera (figuriamoci se possano essere a norma) e trasportati in fatiscenti magazzini prima di essere stoccati o sfilettati per i mercati sia italiani che esteri. Ecco un altro grande problema: il pesce pescato arriva poi tramite vie traverse nei mercati dell’est ma buona parte rimane anche in Italia raggiungendo cosi pescherie consenzienti che passano il pesce nelle mani del cliente falsificando (facilmente) etichette che ne dovrebbero certificare sia la provenienza che il percorso compiuto prima di arrivare sui banconi.

Volontari in aiuto delle forze dell’ordine

Certo un fenomeno come quello del bracconaggio non e’ facile ne da combattere ne tanto meno da estirpare. Le forze dell’ordine si avvalgono dell’aiuto di volontari che grazie a ronde notturne ed interventi di divulgazione e protezione riescono a segnalare illeciti o situazioni che possano mettere in allerta. I volontari si muovono in gruppo, mai da soli per paura delle rappresaglie da parte dei bracconieri descritti sempre piu’ spesso come uomini aggressivi. Le forze dell’ordine possono soltanto puntare su due strumenti: le multe (molto spesso mai pagate) ed il sequestro dei mezzi e degli attrezzi utilizzati per la pesca illegale.

La nuova normativa

202_pesca-abusivaLa legge 28 luglio 2016, n. 154 in materia di “semplificazione, razionalizzazione e competitività dei settori agricolo e agroalimentare” ha portato ad un inasprimento delle pene per gli illeciti compiuti. Di particolare interesse l’articolo 40 della legge, sul contrasto del bracconaggio nelle acque interne, che vieta di “stordire, uccidere e catturare la fauna ittica con materiali esplosivi di qualsiasi tipo, con la corrente elettrica o con il versamento di sostanze tossiche o anestetiche nelle acque” e di “utilizzare reti, attrezzi, tecniche o materiali non configurabili come sistemi di pesca sportiva”: la norma vieta “la raccolta, la detenzione, il trasporto e il commercio degli animali storditi o uccisi”stabilendo come pene l’arresto da due mesi a due anni o l’ammenda da 2 mila a 12 mila euro. Sono anche previste la sospensione della licenza di pesca professionale per tre anni e la sospensione dell’esercizio commerciale in caso di vendita degli animali storditi o uccisi con le modalità vietate. E’ inoltre prevista anche l’immediata confisca degli strumenti utilizzati per la pesca di frodo, i mezzi di trasporto e conservazione del pescato (camion frigo).

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

1 thought on “I predoni del Po ed un fiume oramai devastato”

  1. Antonio Piras ha detto:

    Alle forze dell’ordine interessa di più arrestare il pericoloso delinquente con due spinelli in tasca, non perdono tempo impiegando uomini e mezzi per cose di poco conto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfino attacca pesce gatto Perché i delfini decapitano le loro prede ?
5 (2) I biologi marini hanno scoperto alcuni anni fa che alcuni delfini tursiopi del
pesce con amo in pancia Amo : meglio tagliare o slamare ?
5 (1) Una domanda che ci siamo posti un po’ tutti durante le nostre battute
Tonno rosso Stock di tonno rosso : la situazione migliora ed i tonni non sono più in pericolo
5 (5) Quattro specie di tonno pescate commercialmente sono sulla buona strada per il recupero
Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime