I pesci d’allevamento mangeranno insetti

La prossima frontiera nello sviluppo dei mangimi per i prodotti d’allevamento ittico saranno gli insetti.

Secondo l’International Platform of Insects for Food and Feed (IPIFF) infatti gli insetti saranno l’ingrediente principale per alimentare trote, orate e spigole in allevamento. La proposta non ancora presentata e dunque ancora da approvare potrebbe comunque essere il futuro anche per gli allevamenti di pollame e suini.

IPIFF prevede di presentare un protocollo alla UE entro la fine del 2017 per esplorare tutte le opportunità future circa tale tipo di produzione.

Il modo migliore per utilizzare gli insetti è mangiarli: In molti paesi già lo fanno. Piu’ di 2 miliardi di persone al mondo infatti si nutrono di insetti come bruchi e coleotteri. In Sud Africa vengono raccolti ogni anno circa 10 miliardi di esemplari di bruchi ed in Uganda un Kg di cavallette è piu’ costoso di un Kg di carne bovina.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *