I cittadini diventano ricercatori, arriva il portale di citizen science nelle aree marine protette di Punta Campanella e Regno di Nettuno

Il Giornale dei MARINAI NewsI cittadini diventano ricercatori, arriva il portale di citizen science nelle aree marine protette di Punta Campanella e Regno di Nettuno
0
(0)

Gli utenti potranno segnalare direttamente organismi marini e fenomeni naturali. Il 23 e 24 novembre il progetto di scienza partecipata sarà presentato ad un convegno al CNR a Roma

Un portale web di citizen science in grado di consentire a tutti la segnalazione di organismi marini e fenomeni di interesse naturalistico ed ecologico. Nelle Aree Marine Protette Punta Campanella e Regno di Nettuno i cittadini diventano ricercatori in grado di segnalare specie aliene e di pregio o anche guardiani del mare in grado di denunciare inquinamento marino e altre emergenze. Il tutto grazie al portale di scienza partecipata che sarà uno strumento prezioso per gli esperti e gli operatori dei due  parchi marini che potranno contare sull’aiuto di tutti per individuare organismi o reti fantasma abbandonate nei fondali. L’innovativo progetto è stato realizzato in collaborazione con la Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, con il CNR( consiglio nazionale delle ricerche) e con l’Università Parthenope e segue altre iniziative simili (Blue Blitz e Blue Team in Action) promosse dall’Area Marina Protetta di Punta Campanella in questi anni

“Proseguiamo con le attività e i progetti che coinvolgono i cittadini, gli utenti del mare, indispensabili per un migliore controllo e una più estesa lettura dei fenomeni naturali che accadono all’interno di un’area protetta- sottolinea Antonino Miccio, direttore delle aree marine protette di Punta Campanella e del Regno di Nettuno- Senza dimenticare che è fondamentale la sinergia tra vari enti, come la rete che si è venuta a creare tra le aree marine protette della Campania, e in particolare del Golfo di Napoli, che si dimostra sempre più importante. Insieme si ottengono risultati migliori e con l’aiuto di tutti i cittadini si fa ancora meglio”

I due siti web già attivi (www.citizensciencepc per Punta Campanella e www.citizensciencerdn.org per il Regno di Nettuno) consentono, previa registrazione, la segnalazione -attraverso foto, video e testi- di organismi marini e fenomeni di interesse naturalistico-ecologico per l’ambiente marino riscontrati all’interno del perimetro delle AMP . Questo al fine sia di migliorare la conoscenza degli habitat e degli abitanti del mare , sia di segnalare anche eventuali problematiche ecologiche.

Potranno contribuirvi tutti i cittadini che, a vario titolo, fruiscono delle risorse del mare dell’AMP: dai gestori di diving e spiagge, ai pescatori professionisti e dilettanti, fino ai comuni cittadini che come bagnanti o subacquei ricreativi hanno sensibilità, interesse ed attenzione per la conservazione del proprio territorio e del mare. Chiunque vorrà, quindi, potrà diventare ricercatore o anche guardiano del mare, aiutando gli enti nella gestione dell’area protetta. Sono compresi nel frame di riferimento relativo alle segnalazioni sia organismi di particolare rilievo naturalistico ed ecologico, quali specie aliene ed invasive o di pregio ambientale, sia fenomeni di possibile degrado dell’ambiente, quali reti fantasma, fenomeni di mortalità massiva di specie o bloom di meduse e mucillagini, ed anche segnalazioni di emergenze archeologiche o fenomeni di vulcanesimo secondario, quali le fumarole di gas sommerse.

Il progetto sarà presentato in occasione della prima Citizen Science Conference in Italia, giovedì 23 e venerdì 24 novembre, nella sessione poster ‘Biological monitoring through citizen science’. Il poster dal titolo “A citizen science iniziative in the marine protected area Regno di Nettuno, Ischia Procida and Vivara islands, Gulf of Naples, Italy” (autori: M.C. Gambi, A. Biasco, C. Iacono e A. Miccio) sarà in esposizione per le intere due giornate ed impreziosisce un ciclo di conferenze che si svolgerà dal 23 al 25 novembre presso la sede centrale del CNR, sala conferenze, Piazzale Aldo Moro 7, a Roma, organizzato dalla Accademia Nazionale delle Scienze, detta dei XL, in collaborazione con istituzioni italiane ed europee, con il supporto del Consiglio Nazionale delle Ricerche e nell’ambito del programma LifeWatch-ITA (www.citizensciencerome2017.com). In un contesto prettamente internazionale, lo scopo della conferenza in citizen science è quello di esplorare lo stato dell’arte e le future possibilità in un campo relativamente nuovo ma molto promettente, quello della scienza partecipata.

Portale consultabile ai siti: www.citizensciencerdn.org   www.citizensciencepc.org

 

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

1 thought on “I cittadini diventano ricercatori, arriva il portale di citizen science nelle aree marine protette di Punta Campanella e Regno di Nettuno”

  1. Leonardo Ascione ha detto:

    Lo Devo iniziativa che secondo me andrebbe estesa a tutto il litorale del Golfo di napoli, e magari a tutta la penisola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal