Home Notizie sul mare e sulla pesca la pesca illegale scoperta da google

la pesca illegale scoperta da google

550
0


Google rintraccia e scopre le grandi trappole da pesca illegali

Secondo le stime della British Columbia queste strutture posizionate lungo le coste del Golfo Persico starebbero catturando sino a sei volte piu’ del dovuto.

L’università americana si è avvalsa di Google Maps per scoprire centinaia di sbarramenti illegali piazzati i mare. Le immagini sono state scrutate attentamente e tramite delle formule matematiche si è calcolato un flusso di circa 31.000 tonnellate di pesce pescato all’anno. I dati “ufficiali” però riportano appena 5.260 tonnellate.

tonnare-golfo la pesca illegale scoperta da google

Questi sbarramenti sono delle trappole semi-permanenti che sfruttano le differenze di marea per catturare una grande varietà di specie marine. Sono utilizzate in tutto il Sud est Asiatico e in Nord America. Un sistema di pesca simile a quello utilizzato nei sistemi lagunari del nord Italia ma che non ha una specie target, e cattura tutto ciò che vi rimane intrappolato.

Una scoperta incredibile

“Questa tecnica di pesca è stata utilizzata per migliaia di anni”, dice Dalal Al – Abdulrazzak , un dottorando del Centro Marino dell’UBC dipartimento pesca . «Ma soltanto grazie a google maps siamo stati in grado di cogliere veramente il loro impatto sulle nostre risorse marine . ”

Lo studio mostra il potenziale dei metodi di telerilevamento , come ad esempio immagini satellitari , per monitorare gli attrezzi da pesca in uso e in tal maniera riuscire a stimare i quantitativi delle catture e di tutte le operazioni di pesca in generale .

” Di volta in volta abbiamo visto che a livello mondiale i dati ufficiali sulle catture dati non tornano “, dice Daniel Pauly , coautore dello studio. “Perché i paesi non forniscono informazioni affidabili sulle catture , abbiamo bisogno di espandere il nostro modo di pensare e di guardare ad altre fonti di informazione e nuove tecnologie per raccontarci quello che sta succedendo nei nostri oceani .

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui