Google rintraccia e scopre le grandi trappole da pesca illegali

Secondo le stime della British Columbia queste strutture posizionate lungo le coste del Golfo Persico starebbero catturando sino a sei volte piu’ del dovuto.

L’università americana si è avvalsa di Google Maps per scoprire centinaia di sbarramenti illegali piazzati i mare. Le immagini sono state scrutate attentamente e tramite delle formule matematiche si è calcolato un flusso di circa 31.000 tonnellate di pesce pescato all’anno. I dati “ufficiali” però riportano appena 5.260 tonnellate.

tonnare-golfo la pesca illegale scoperta da google

Questi sbarramenti sono delle trappole semi-permanenti che sfruttano le differenze di marea per catturare una grande varietà di specie marine. Sono utilizzate in tutto il Sud est Asiatico e in Nord America. Un sistema di pesca simile a quello utilizzato nei sistemi lagunari del nord Italia ma che non ha una specie target, e cattura tutto ciò che vi rimane intrappolato.

Una scoperta incredibile

“Questa tecnica di pesca è stata utilizzata per migliaia di anni”, dice Dalal Al – Abdulrazzak , un dottorando del Centro Marino dell’UBC dipartimento pesca . «Ma soltanto grazie a google maps siamo stati in grado di cogliere veramente il loro impatto sulle nostre risorse marine . ”

Lo studio mostra il potenziale dei metodi di telerilevamento , come ad esempio immagini satellitari , per monitorare gli attrezzi da pesca in uso e in tal maniera riuscire a stimare i quantitativi delle catture e di tutte le operazioni di pesca in generale .

” Di volta in volta abbiamo visto che a livello mondiale i dati ufficiali sulle catture dati non tornano “, dice Daniel Pauly , coautore dello studio. “Perché i paesi non forniscono informazioni affidabili sulle catture , abbiamo bisogno di espandere il nostro modo di pensare e di guardare ad altre fonti di informazione e nuove tecnologie per raccontarci quello che sta succedendo nei nostri oceani .

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui