Gli alunni dell’Istituto “Rallo” di Favignana visitano Centro per tartarughe marine

Gli alunni delle classi quarta e quinta dell’Istituto Comprensivo “Rallo” di Favignana hanno visitato ieri mattina il Centro di primo soccorso per tartarughe marine, che ha sede nel piano cantinato di Palazzo Florio, nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione ed educazione ambientale previste dal progetto Life +12 “Tartalife”, finanziato con il programma Life+ della Commissione Europea, di cui è partner l’Area Marina Protetta “Isole Egadi”. Ad accoglierli e a spiegare loro l’attività del Centro, c’erano la naturalista Daniela Sammartano e la biologa Rosaria Oddo, dello staff dell’AMP. Il progetto si pone come obiettivo la riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale in 15 regioni italiane che si affacciano sul Mediterraneo.

Nei giorni scorsi, grazie ai professionisti che operano al Centro, un altro esemplare di tartaruga Caretta caretta è stato recuperato e sottratto a morte certa grazie al ricovero e alle cure ricevute. L’attività di sensibilizzazione rivolta soprattutto ai giovani fin dalla più tenera età, rientra tra le priorità dell’AMP ed è un’attività in linea con il percorso promosso negli ultimi anni dall’Ente gestore. Gli alunni, accompagnati dagli insegnanti e alla presenza anche dell’assessore Tiziana Torrente, hanno avuto modo di rivolgere domande e curiosità legate al mondo delle tartarughe marine acquisendo elementi importanti per la loro formazione che non può prescindere dalla realtà in cui vivono a stretto contatto con l’ambiente marino e la natura.

Al momento stai visualizzando Gli alunni dell’Istituto “Rallo” di Favignana visitano Centro per tartarughe marine
  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:News
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:2 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:15 Dicembre 2021

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento