Giri di bussola e tabelle di deviazione

Il Giornale dei MARINAI NewsGiri di bussola e tabelle di deviazione
0
(0)

La legge n° 478 del 5/10/1999 “Regolamento di sicurezza per la navigazione da diporto“, pubblicata nella G.U. 295 -17/12/1999- e in vigore dall’1/1/200, prevede che le imbarcazioni da diporto (1° unità a motore di lunghezza f.t. superiori a metri 7.50, fino a metri 24.00; 2° a vela con o senza motore ausiliario e motovelieri di lunghezza f.t. superiori a metri 10.00, fino a metri 24.00), devono avere a bordo le tabelle di deviazione. Su questa disposizione sono sorte ragionate perplessità, compreso quelle nostre.

In ogni caso di una cosa siamo assolutamente certi: un’imbarcazione da diporto della lunghezza minima di metri 7,51 non ha la possibilità di essere stabile alla guida; e questo è un fatto assolutamente incontestabile. Le barche che spaziano nelle lunghezze basse della categoria imbarcazioni, hanno bussole con spazi di cinque in cinque gradi e quindi una rosa con circonferenza ridotta, che in un attimo, nonostante la massima attenzione, la linea di fede -marcata sulla parte fissa della bussola ed in solido legata alla direzione della prua della barca- segna una gradazione scartata in dritta o in sinistra della rotta. Stabilito questo, ci domandiamo che aiuto possa dare al timoniere una tabella di deviazione che riporti correzioni di qualche grado con bussole a gradazione coma sopra citato; è presto detto: nessuno.

Per produrre le tabelle di deviazione devono essere fatti i giri di bussola: le une e gli altri a cura dei periti abilitati e riconosciuti che, giustamente, vanno pagati. Il discorso andrebbe impostato sul vero e importante momento che è quello della corretta installazione della bussola e se, quest’ultima, ha bisogno di una compensazione; fattore di indubbia importanza che il comandante dell’unità deve valutare con severità perché in mare, la difesa della vita, è collettiva per quanti a bordo calcano il paiolato. Però va detto che oggi le case costruttrici di bussole pongono in commercio strumenti collaudati e garantiti. Inoltre per il loro fissaggio in barca i controlli che abilitano il mezzo, subiscono severi controlli quando lasciano il cantiere. Perciò una volta sicuri della corretta installazione a bordo e della precisione delle marcature della bussola, il “bravo” comandante, la sua “brava” tabella di deviazione, può farsela da sé; come diremo in seguito. I giri di bussola, sicuramente indispensabili per le navi in ferro militari e mercantili, riteniamo non siano altrettanto indispensabili per gli scafi in vetroresina che costituiscono la quasi totalità delle costruzioni nautiche in linea.

Per quanti non fossero in possesso del prezioso “Manuale Marinaro di Navigazione” del comandante Mario Cambi, ex ufficiale di rotta della Marina Militare che ha navigato in lungo e in largo anche sul naviglio da diporto, edito dalla casa editrice Vito Bianco Editore di Roma, dei tre metodi che Cambi suggerisce per il controllo della bussola, citiamo il più facile di tutti per redigere la tabella di deviazione. E cioè: – dal mare, in un punto dal quale si vedono due oggetti a terra e segnati sulla carta nautica, portarsi a vedere i due oggetti allineati e da quel punto mettere la prua sull’oggetto più lontano, tenendovi sopra quello più vicino. L’allineamento è molto valido per determinare gli errori della bussola. Se l’allineamento sulla carta -e su questo si naviga- è ad esempio di 270°, mentre la bussola segna 275°, significa che essa marca 5° in più e questo è l’errore globale. Cosicché, se si vuole andare per 270°, si deve tenere la bussola su 275°. Se invece la bussola marca 265° vuol dire che segna 5° in meno, quindi si deve agire di conseguenza. Prendendo nota dei vari controlli e riportando le differenze, si può costruire la tabella delle deviazioni con buona pace per i giri di bussola. E’ così difficile? Perché i nostri legislatori sono partiti a testa bassa imponendo un dictat che ha suscitato risentimenti e proteste? Chissà se lo sapremo mai!

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

1 thought on “Giri di bussola e tabelle di deviazione”

  1. Giorgio Martinelli ha detto:

    Sono pienamente d’accordo, senza dimenticare l’esistenza a bordo ormai standard dei GPS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal