Frittelle di anemoni di mare

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. Francesca Fazio ha detto:

    Qualche giorno fa ho mangiato linguine con anemoni di mare e ostriche. Una vera goduria. vorrei sapere dove comprarli a Palermo e provincia perché mai visti nelle pescherie

    • Sono di difficile reperimento, in italia non esiste un mercato per tale genere di prodotti. Secondo la legislazione gli anemoni di mare non sono considerati prodotti alimentari. L’ideale sarebbe avere un nipote che li va a raccogliere durante l’estate per mangiarli insieme.

      Saluti

  2. Silvestro ha detto:

    A Livorno sono considerate una ghiottoneria assoluta, e vengono chiamate “orticole”, sono in definitiva “anemonia sulcata”. Per friggerle, però, meglio passarle prima nell’uovo e poi nella farina di mais, vengono più croccanti (niente pastella). Forse la cosa migliore di mare in assoluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *