Foto Shock: tonnetti dalla spina bifida si ripresentano in Calabria

Il Giornale dei MARINAI NewsFoto Shock: tonnetti dalla spina bifida si ripresentano in Calabria
0
(0)

Ancora tonnetti dalla spina bifida pescati in Calabria. Adesso bisogna individuare la fonte che provoca le mutazioni

Il “fenomeno” era saltato agli altari dei media il dicembre scorso quando, sempre in Calabria, alcuni pescatori sportivi avevano segnalato la pesca di piccoli tonnetti alletterati con la spina dorsale “doppiata”.

11988451_10207453593686404_1183851439425357994_nUna mutazione probabilmente provocata dalla contaminazione da metalli pesanti e da idrocarburi. Le foto che pubblichiamo oggi sono arrivate in redazione ed hanno destato subito la nostra attenzione. L’autore delle immagini Federico Garavaglia, dopo aver catturato, eviscerato e mangiato i tre pesci ha notato subito che qualcosa non andava. I pesci avevano la spina dorsale “bifida”. Il caso desta  preoccupazione visto l’arrivo sotto costa dei piccoli tonnetti durante il periodo pre-autunnale e l’alta tossicità dei metalli pesanti che questi animali possono accumulare nelle carni. Tra l’altro la segnalazione riporta che su tutti e tre i pesci pescati era presente la spina bifida.

Segnaliamo che nel 2014 è stata presentata un’interrogazione in Parlamento proprio legata al fatto in questione

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-03935presentato da OLIVERIO Nicodemo Nazzarenotesto diMartedì 11 marzo 2014, seduta n. 187 OLIVERIO e MAGORNO. — Al Ministro della salute, al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali . — Per sapere – premesso che:
nel settembre 2014 al largo di Fiumefreddo Bruzio, lungo il Mar tirreno cosentino, due pescatori amatoriali durante una battuta di pesca hanno catturato alcuni esemplari di tonnetti alletterati, una specie di tonno molto diffuso nel Mediterraneo e caratterizzata dalla colorazione azzurro-bluastra del dorso screziato. È il primo caso che si registra in Calabria, dopo i tanti rinvenimenti avvenuti nel resto del Paese;
questi esemplari, dopo un’attenta analisi condotta in un laboratorio privato, sono risultati essere contaminati da idrocarburi policiclici aromatici e policlorobifenili, componenti chimici pericolosi per la salute dell’uomo;
tale evento ha suscitato un vivo allarme nella popolazione, soprattutto per il fatto che su dieci esemplari catturati, quattro presentavano una vera malformazione, la spina dorsale bifida;
l’analisi dei resti degli esemplari pescati hanno evidenziato che nella lisca erano presenti dei contaminanti, ritenuti da molti ricercatori tra i responsabili di mutamenti genetici negli animali, ma anche pericolosi per la salute dell’uomo, visto che è stato accertato il suo effetto altamente cancerogeno;
il caso in Calabria sembrerebbe isolato, ma solleva non pochi timori sulla qualità della salute dei mari italiani che ricorda quanto già verificatosi in altre parti del Mar Mediterraneo: nel corso degli anni passati in altre parti del Paese, in particolare ad Augusta e al largo della costa siracusana, sono stati catturati esemplari malformati simili a quelli catturati a Fiumefreddo;
lungo la costa siracusana nel 1989, dopo le operazioni di pulizie del porto sono state sversate a mare sostanze, molte delle quali tossiche, presenti nell’infrastruttura, sono state segnalate molti casi di pesci con anomalie scheletriche;
questa circostanza farebbe ritenere che i tonnetti pescati a Fiumefreddo potrebbero venire dalla costa siracusana. Infatti i tonnetti, della specie pelagica e cioè capace di percorrere centinaia di chilometri dal luogo di nascita, cibandosi di altri pesci più piccoli fungono da bioaccumalatori delle sostanze contenute degli animali di cui si ciba;
solo con una indagine a tappeto è possibile capire se c’è una area contaminata in zona oppure se questi esemplari provengono da altri luoghi. Tanto più che potrebbe essere plausibile che questi pesci vengano da un’area portuale che è stata oggetto di lavori infrastrutturali;
secondo la ricercatrice Mara Nicotra dell’università di Catania il fenomeno dei pesci malformati è molto diffuso e il fenomeno mette in correlazione l’inquinamento del mare e la mutazione dei pesci –:
se il Governo sia innanzitutto a conoscenza di quanto riportato in premessa e che riguarda la Calabria e se non ritenga necessario monitorare attentamente tutto il bacino del Mar Tirreno, attraverso una campagna di pesca mirata, che potrebbe consentire di comprendere meglio quanto questo fenomeno sia esteso;
se il Governo non ritenga urgente promuovere opportune e adeguate indagini al fine di salvaguardare la salute dell’uomo, ove fossimo in presenza di una contaminazione;
se altresì non ritenga quanto mai indispensabile attivare un’azione di costante monitoraggio almeno del tratto di mare in questione per un controllo sistematico della condizione dell’ecosistema marino anche in relazione alla salute dell’uomo. (4-03935)

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

5 thoughts on “Foto Shock: tonnetti dalla spina bifida si ripresentano in Calabria”

  1. luca ha detto:

    Anche a Salerno sta capitando. …..su 10pesci tutti e 10 malformati

    1. Salve Tonino, se riesce a scattare delle foto o a farci sapere di più le saremmo grati, per adesso ci stiamo lavorando su… grazie

  2. pina ha detto:

    Buongiorno,anche nel mar IOnio tutti i tonnetti pescati presentano la spina bifida,e la gente continua a mangiarne tranquillamente.

  3. pina ha detto:

    Salve,anche nel mar Ionio tutti i giorni di questi periodi si pescano grandi quantità di tonnetti con spina bifida,e la gente ne mangia tranquillamente.Possibile che non riescono a capire che è pesce contaminato?

  4. Roby ha detto:

    Schiavonea 3 tonnetti su 3 con spina bifida qualche anno fa era l’eccezione ora la norma
    Pescati il 3 / 10/ 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto