Foreste e uso del suolo dai Tropici alla Siberia: come influiscono sulla temperatura

Il Giornale dei MARINAI NewsForeste e uso del suolo dai Tropici alla Siberia: come influiscono sulla temperatura
0
(0)

Alberi e foreste possono fare la differenza. In diverse regioni del pianeta possono influire in maniera diversa sulla temperatura di quella determinata area: è una questione di suolo, di come lo usiamo, del colore che ha, dell’acqua a disposizione e di quanta neve cadrà.

I risultati di una ricerca condotta da scienziati del CMCC in un team di ricerca internazionale che si è concentrato ad analizzare come l’uso del suolo influisce sulle temperature e precipitazioni a livello regionale. Il modo in cui utilizziamo il suolo – se lo copriamo, ad esempio, di foreste, di prati, o di campi coltivati – è un aspetto molto influente per la scelta delle soluzioni che si vogliono mettere in pratica per affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici. Un team internazionale di scienziati – tra cui Lucia Perugini, Luca Caporaso e Sergio Marconi della Fondazione CMCC Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici – ha concentrato la propria attenzione su come il cambiamento di uso del suolo possa influenzare le temperature in diverse regioni del pianeta e capire così come questo tema possa essere legato alle scelte dei decisori pubblici e a possibili strategie di adattamento a livello locale. Il risultato è un articolo pubblicato recentemente sulla rivista Environmental Research Letters, in cui gli autori fanno il punto sulla conoscenza scientifica disponibile sull’argomento e spiegano come la deforestazione contribuisca ad un aumento della temperatura nelle aree tropicali, e a una diminuzione in quelle boreali come ad esempio la Siberia e l’estremo nord dell’Europa, mentre più complesso è il discorso per le zone temperate. A fare la differenza, la presenza o meno di neve sul suolo e la disponibilità di acqua nell’ecosistema. D’altro canto lo studio evidenza che la deforestazione porta sempre ad una diminuzione delle precipitazioni, più marcata quando alla foresta si sostituisce il suolo nudo. Ai Tropici, aumentare le porzioni di suolo occupate da foreste contribuisce a contenere il riscaldamento della regione. “In queste aree – spiega Lucia Perugini (CMCC) che ha coordinato lo studio – è particolarmente rilevante l’influenza del calore che viene assorbito nella trasformazione dell’acqua dallo stato liquido a quello di vapore acqueo”. Al contrario, la deforestazione contribuisce a un incremento della temperatura che si va  ad aggiungere a quello prodotto dalla CO2 e dagli altri gas serra. In questa regione, quindi, la riforestazione è un’attività che produce un doppio beneficio in termini di assorbimento di anidride carbonica dall’atmosfera e di diminuzione della temperatura. “Nelle regioni boreali – continua Perugini – l’effetto albedo generato da praterie innevate concorre ad abbassare la temperatura di quella specifica zona”. Le foreste sono più scure delle aree senza alberi che invece, coperte di neve, hanno una superficie chiara che riflette l’energia solare in maniera efficace. Il rimboschimento porterebbe, al contrario di quanto accade nelle regioni tropicali, un clima più caldo in presenza di ampie porzioni di foreste. Bisogna considerare però che questo effetto sarà più attenuato in uno scenario di riscaldamento globale, dove la presenza di neve al suolo sarà verosimilmente ridotta. Lo studio, dal titolo “Biophysical effects on temperature and precipitation due to land cover change“, è un contributo alla conoscenza disponibile su un tema particolarmente complesso che riveste un’importanza rilevante nell’Accordo di Parigi, in cui un intero articolo (l’art. 5) è dedicato principalmente alle foreste e al loro contributo per affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici. “Uno degli aspetti più rilevanti della ricerca – conclude Perugini – sta nel fatto che mette in evidenza come il tema della deforestazione abbia un’influenza marcata a livello locale, mostrando effetti e risultati che possono essere diversi dalla scala globale. Questo tipo di valutazioni possono essere utili a decisori politici e amministratori locali che lavorano a strategie di adattamento ai cambiamenti climatici a livello regionale”.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal