Ecosystem-based deep-ocean strategy : nuova strategia ecosistemica per tutelare la biodiversità marina

Il Giornale dei MARINAI NewsEcosystem-based deep-ocean strategy : nuova strategia ecosistemica per tutelare la biodiversità marina
0
(0)

Su “Science” il lavoro di un team di ricercatori internazionali coordinato dal Prof. Roberto Danovaro, Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, dedicato a nuove ipotesi di Governance degli Oceani.

<<Per tutelare gli abissi marini, che costituiscono le future risorse dell’economia planetaria perché fonti preziose di minerali, metalli pregiati e di idrocarburi, abbiamo bisogno di intervenire in maniera mirata per garantire una gestione di questi ambienti imperniata su un approccio “ecosistemico” a difesa della loro biodiversità.>>
Questo uno degli obiettivi descritti nell’articolo “An ecosystem-based deep-ocean strategy“, pubblicato dalla rivista scientifica “Science”, lavoro coordinato dal Prof. Roberto Danovaro, Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli.

Gli Oceani, in particolare gli ambienti profondi, vale a dire quelli al di sotto di 200m di profondità, costituiscono le principali aree di biodiversità del Pianeta, in quanto capaci di svolgere tutti i cicli biogeochimici e le attività di regolazione dei processi di scambio di calore e di mitigazione del clima, oltre che essere anello indispensabile per il processo di assorbimento dell’eccesso di anidride carbonica presente nell’atmosfera.

Professore Roberto Danovaro

<<Ricordiamo che gli abissi marini costituiscono il 95% del volume degli oceani, una vastità di cui conosciamo meno dello 0,0001%>>, – sottolinea il Presidente della SZN, Roberto Danovaro – in acque internazionali, dove non vige alcuna legislazione nazionale. Sono così soggetti a un consistente e costante impoverimento di risorse, dovuto ad attività non regolamentate, quali pesca e approvvigionamento di minerali e idrocarburi, con conseguenze spesso drammatiche>>. Le Nazioni Unite, con la “Convenzione sul diritto del mare –  UNCLOS “, forniscono linee guida ma non principi vincolanti e, nonostante il disciplinamento imposto dall’International Seabed Authority (ISA), manca una concreta pianificazione univoca trasnazionale per regolamentare le suddette aree. <<Gli ecosistemi a noi ignoti custodiscono, quindi, la maggior parte della biodiversità presente negli abissi. Oltre il 50% di essi si estende in acque internazionali, dove non vige alcuna legislazione nazionale. Sono così soggetti a un consistente e costante impoverimento di risorse, dovuto ad attività non regolamentate, quali pesca e approvvigionamento di minerali e idrocarburi, con conseguenze spesso drammatiche>>. Le Nazioni Unite, con la “Convenzione sul diritto del mare – UNCLOS “, forniscono linee guida ma non principi vincolanti e, nonostante il disciplinamento imposto dall’International Seabed Authority (ISA), manca una concreta pianificazione univoca trasnazionale per regolamentare le suddette aree.
Attraverso lo studio pubblicato su “Science“, il Prof. Roberto Danovaro, assieme al suo team, si propone di dare inizio ad una vera e propria rivoluzione biologica capace di produrre risposte e prospettive costruttive, al fine di salvaguardare e difendere la biodiversità degli abissi. Spiega, infatti, Danovaro: <<Acquisendo dati sugli organismi e sugli ecosistemi, mettendo in rete le informazioni chimiche e fisiche in nostro possesso, si avrà l’opportunità di utilizzare network di piattaforme, infrastrutture di ricerca e unità autonome che saranno capaci di colmare tale gap a favore di una gestione ecosistemica e lungimirante degli oceani profondi.>> Si aspira, quindi, alla creazione di un’organizzazione internazionale incaricata della tutela degli ambienti profondi, con meccanismi di finanziamento trasnazionale, al fine di dare elementi innovativi alla ricerca e alla tutela degli ecosistemi marini, nonché alle politiche di utilizzo sostenibile delle risorse degli Oceani.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal