Egadi: dimezzato lo strascico illegale sotto costa

Il Giornale dei MARINAI NewsEgadi: dimezzato lo strascico illegale sotto costa
0
(0)

La Direzione dell’Area marina protetta “Isole Egadi” ha reso noti i risultati del monitoraggio sulla pesca a strascico illegale sotto costa, effettuato all’interno delle acque della riserva marina.

pesca strascico

pesca strascico illegale

L’attività è stata resa possibile acquisendo, dal Comando generale delle Capitanerie di Porto, tramite il Compartimento marittimo di Trapani, i dati relativi ai segnali provenienti dalle “blue-box”, i dispositivi satellitari per la rilevazione della posizione dei pescherecci di lunghezza superiore ai 15 metri, registrati nelle acque dell’area protetta.
Un primo monitoraggio, effettuato per il periodo dal 1 gennaio 2011 al 31 luglio 2012 – nei primi diciotto mesi dall’entrata in vigore del nuovo regolamento dell’Amp – ha consentito di accertare il verificarsi di 71 incursioni all’interno della zona A (divieto integrale), 512 incursioni nella zona B (divieto parziale) e 1.210 passaggi sospetti nella zona C (dove è consentito solo il transito delle barche a strascico, previa autorizzazione) della riserva marina.
Il secondo monitoraggio è stato effettuato in riferimento al periodo che va dall’1 agosto 2012 al 31 dicembre 2013 e ha evidenziato 30 incursioni nella zona A, 356 incursioni nella zona B e 865 passaggi sospetti nella zona C. Vengono definiti tali quei transiti di imbarcazioni effettuati alla velocità di navigazione con cui viene esercitata la pesca a strascico.Dall’esame dei dati si evidenzia una riduzione significativa degli abusi, di oltre il 57% per le zone di massima tutela (dove tali violazioni sono reato), di oltre il 30% nella zona B della riserva marina e del 28% nella zona C.
“Un risultato eccezionale – commenta il sindaco di Favignana e presidente dell’Amp, Giuseppe Pagoto – raggiunto grazie ad un mix di fattori: in primis il posizionamento, attorno alle coste dell’isola di Favignana, nel giugno 2013, dei dissuasori anti strascico finanziati dal Ministero dell’Ambiente”.
Si tratta di sistemi di deterrenza passiva, anche ripopolanti, che scoraggiano le violazioni perchè fanno perdere le reti ai pescatori abusivi. “Hanno contribuito a questo risultato – spiega il direttore dell’Amp Stefano Donati – anche la continua presenza in mare del nostro personale, le azioni di denuncia e le revoche delle autorizzazioni alla pesca nei casi più gravi. Abbiamo anche registrato una maggiore consapevolezza da parte dei pescatori ed è cresciuto il dialogo con tutta la categoria, dalle cooperative, alle associazioni, fino ai consorzi”. “Ovviamente – prosegue Donati – hanno svolto un
ruolo di primissimo piano tutte le Forze dell’Ordine operanti in mare e, soprattutto, la Capitaneria di Porto, con tutti gli uffici territoriali impegnati nella prevenzione e nella repressione degli illeciti: oltre alle ordinarie attività di pattugliamento e controllo, la Capitaneria di porto di Trapani si è attivata per il controllo continuo, da remoto, dei tracciati AIS, richiamando via radio le unità che accedevano in zona interdetta”.
La pesca a strascico sotto costa, all’interno della batimetrica dei 50 metri, è vietata in tutta Italia
da una legge nazionale, anche fuori delle aree marine protette, perchè tale attività distrugge i fondali, danneggiando coralligeno e praterie di Posidonia oceanica, e depaupera la risorsa ittica, catturando anche pesci allo stadio giovanile, non commercializzabili. Il fenomeno è, ovviamente, ancora più grave in un’area marina protetta, perché ne vanifica l’effetto ripopolante.
“Riteniamo probabile – conclude il direttore Donati – che il monitoraggio dello strascico sotto costa nel 2014 ci riservi un dato ancora più confortante, con una ulteriore riduzione degli abusi. Stiamo anche avviando i progetti per il potenziamento dei dissuasori e ci auguriamo anche di proseguire la straordinaria collaborazione con la Capitaneria di Porto di Trapani”.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfino attacca pesce gatto Perché i delfini decapitano le loro prede ?
4.3 (3) I biologi marini hanno scoperto alcuni anni fa che alcuni delfini tursiopi del
pesce con amo in pancia Amo : meglio tagliare o slamare ?
5 (1) Una domanda che ci siamo posti un po’ tutti durante le nostre battute
Tonno rosso Stock di tonno rosso : la situazione migliora ed i tonni non sono più in pericolo
5 (5) Quattro specie di tonno pescate commercialmente sono sulla buona strada per il recupero
Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime