Denunciati quattro pescatori di frodo sorpresi nel cuore dell’Area Marina Protetta

Il Giornale dei MARINAI NewsDenunciati quattro pescatori di frodo sorpresi nel cuore dell’Area Marina Protetta
0
(0)

Pescavano in piena zona “A dell’Area Marina Protetta del Plemmirio, proprio a ridosso del Faro di Capo Murro di Porco, e per quattro pescatori di frodo sono scattate le denunce e il sequestro della merce.

Sono state due, separate ma entrambe realizzate nel pomeriggio di ieri, le operazioni delle forze dell’ordine preposte al controllo nello specchio acqueo dell’oasi marina più tutelato per volere del Ministero dell’Ambiente, dove nessuna attività di pesca è consentita.

Le telecamere di sorveglianza sempre attive in tutto il perimetro dell’Area Marina Protetta del Plemmirio non hanno lasciato scampo, prima a tre pescatori di frodo appollaiati sugli scogli, alle spalle del Faro, dove erano giunti a bordo di scooter, i quali avevano già gettato in mare le loro canne da pesca.

L’occhio delle telecamere ha inquadrato perfettamente l’attività illecita che stava per consumarsi nel cuore della riserva marina siracusana e sul posto è sopraggiunto il nucleo municipale della Polizia Ambientale, di cui è responsabile Romualdo Trionfante, incaricati della sorveglianza in area marina, cogliendo i pescatori abusivi in flagranza di reato. Le forze dell’ordine, identificati i pescatori di frodo, hanno subito avvertito il magistrato di turno, il sostituto procuratore Davide Lucignani, il quale ha avviato le indagini di rito anche sulla base delle eloquenti registrazioni video che sono state consegnate all’autorità giudiziaria.

Nello stesso pomeriggio, quasi simultaneamente, anche la Capitaneria di Porto ha portato a termine una operazione nella zona del Faro, questa volta in mare. Ancora una volta ad allertare la sala operativa è stato l’occhio vigile del personale preposto al controllo delle videocamere.

E’ stata accertata nei videoterminali in dotazione alla Capitaneria la presenza di una imbarcazione che aveva calato in mare un “conzo” di circa 400 metri.

L’autorità marittima ha immediatamente inviato sul posto la motovedetta CP 764.

Il personale a bordo ha sorpreso i pescatori di frodo ancora all’interno della zona “A” dell’Area Marina Protetta, in particolare, tra la boa centrale ed il faro di Capo Murro di Porco ad una distanza di circa 80 metri dalla costa.

Il bracconiere del mare, siracusano, è stato condotto nei locali della Capitaneria di Porto dove, a seguito degli atti di rito, e dopo essere stato identificato, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per i reati perpetrati all’interno dell’Area Marina Protetta.

Nella stessa serata, al fine di preservare l’area di particolare pregio naturalistico, la Guardia Costiera è nuovamente intervenuta per recuperare il micidiale attrezzo da pesca che il pescatore di frodo aveva precedentemente calato in mare.

Pesca col palamito nel golfo di Castellammare IIISi tratta di un “palangaro” composto da una lenza “madre” e numerosi ami che pendono a diverse profondità.

Difficoltose le operazioni di recupero dell’attrezzo da pesca ad opera della Capitaneria che sono terminate nella notte. Fortunatamente, considerato anche il breve lasso di tempo intercorso, non vi era ancora del pescato.

<<Rivolgiamo un plauso alla Capitaneria di porto e alla Polizia ambientale per il loro pronto intervento – afferma il presidente dell’Amp del Plemmirio Sebastiano Romano – purtroppo sappiamo bene che i bracconieri del mare sono sempre all’opera ed è necessario non abbassare mai la guardia>>.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal