Dalla Florida a Punta Campanella per studiare la biodiversita’ del Parco

Il Giornale dei MARINAI NewsDalla Florida a Punta Campanella per studiare la biodiversita’ del Parco
0
(0)

Leonid Moroz, tra i maggiori esperti mondiali di biodiversita’ marina, ha monitorato, insieme a colleghi della Federico II di Napoli, i fondali dell’area marina protetta.

Un team di docenti e studenti universitari e’ arrivato a Punta Campanella per studiare la biodiversita’ del Parco. A bordo dei natanti dell’Area Protetta e armati di apposite reti (a forma di imbuto, con maglie microscopiche di diversa dimensione e chiuse ad un’estremità da una bottiglia di plastica) hanno raggiunto le aree di campionamento prescelte in cerca di organismi vegetali e animali.
Nel team, formato da studenti e dai docenti universitari della Federico II, Anna Di Cosmo, Gianluca Polese e Valeria Maselli, anche Leonid Moroz della University of Florida, uno dei maggiori esperti nel campo della biodiversità marina.
“Il suggestivo scorcio offerto dal promontorio di Punta Campanella, la prospiciente isola di Capri e le acque limpide e incontaminate, solleticano la nostra fantasia riportando la mente a miti passati- hanno scritto nella relazione i docenti del team di ricerca-
La qualità ambientale di un’area può essere valutata non solo con parametri chimico-fisici, ma anche considerando le specie animali e vegetali che in essa trovano la dimora idonea. L’abbondanza relativa dei taxa (raggruppamento di organismi) presenti risulta essere un valido strumento per valutare lo stato di salute del mare”.
Docenti e studenti hanno potuto scoprire un sorprendente e invisibile mondo, animato da bizzarre ed eteree creature che si muovevano in modo caotico. Per ogni campagna di censimento sono state effettuate tre raccolte. Per una valutazione completa sono stati scelti tre punti per area georeferenziati, prediligendo diverse profondità, da quelle più basse a quelle caratterizzate da fenomeni di upwelling (risalita di acqua dai fondali). I campioni poi sono stati portati nei laboratori didattici del Dipartimento di Biologia della Federico II, presso il campus di Monte Sant’Angelo, e analizzati sotto la supervisione degli esperti. Le attività di identificazione e separazione si sono protratte per quattro giorni consecutivi, estremamente intensi, durante i quali gli studenti sono diventati padroni sia nell’uso delle attrezzature di analisi, microscopi e stereomicroscopi, sia nel riconoscimento dei diversi taxa presenti.
“Gli studenti hanno potuto vedere dal vivo microscopiche meduse, copepodi, stadi larvali di diversi taxa, vivendo quel momento emozionante che tutti dovrebbero assaporare, quando si passa dalle immagini statiche, seppur belle dei testi, alla vita palpitante- ha sottolineato la professoressa Anna Di Cosmo
L’eccitazione ha raggiunto i massimi livelli quando sotto gli obiettivi dei microscopi sono apparsi gli Ctenofori, meravigliose ed evanescenti creature capaci di creare con il movimento dei loro pettini colorazioni stroboscopiche. Bolle colorate che per lungo tempo sono state considerate parenti stretti delle meduse, ma che recentemente il professor Moroz, componente del nostro team, ha dimostrato con un dirompente articolo sulla prestigiosa rivista scientifica Nature, possedere caratteristiche evolutive uniche e indipendenti tali da collocarli non più alla base di altri organismi pluricellulari, ma accanto a Poriferi (spugne), Placozoi e Cnidari (le meduse). La magnifica esperienza conoscitiva e sensoriale vissuta- ha concluso la professoressa Di Cosmo- ci ha riportati al mare con rinnovata fiducia e soprattutto con il convincimento che la strada intrapresa nella formazione di giovani e motivati professionisti del mare è quella giusta per il nostro territorio.”
“La ricerca e’ un aspetto molto importante per un’area marina protetta- ha dichiarato il direttore del Parco Marino di Punta Campanella, Antonino Miccio– Siamo sempre pronti a collaborare con le universita’ e gli enti di ricerca e siamo soddisfatti di essere stati scelti da un team di cosi’ alto livello che ha potuto constatare l’elevato livello di biodiversita’ del nostro mare.”

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal