Cosa fare dopo contatto con la medusa Pelagia Noctiluca

Il Giornale dei MARINAI Biologia marina, NewsCosa fare dopo contatto con la medusa Pelagia Noctiluca
3.7
(13)

Medusa urticante, la Pelagia noctiluca o medusa luminosa è una medusa di colore rosato appartenente alla famiglia delle meduse Pelagiidae. 

Il nome Pelagia noctiluca deriva dal latino e significa “medusa che si illumina di notte“. Grazie infatti alla capacità di brillare al buio, la Pelagia una volta stimolata emette un fascio di luce verdastro.

P. noctiluca è una medusa pelagica di colore rosa che vive in acque lontane dalla costa nel periodo invernale ma che si avvicina alla costa nei periodi primaverili/estivi. Medusa tipica del Mar Mediterraneo è conosciuta dai bagnanti per le dolorose irritazioni che provoca una volta entrata in contatto con parti del corpo scoperte.

La P. noctiluca è una specie dermotossica, una volta che le cellule urticanti (nematocisti) vengono a contatto con parti scoperte i sintomi sono visibili da subito e possono protrarsi sino a due settimane dal contatto.

I sintomi da contatto con P. noctiluca

Una volta entrati in contatto con questa medusa rosa, essa espelle cellule urticanti alla velocità impressionante di 3 millisecondi grazie alla pressione dell’acqua contenuta nei tentacoli.

Il primo sintomo è un bruciore intenso che puo’ lasciare sulla pelle delle cicatrici anche perenni. Se fortunati e la zona di contatto non è ampia i sintomi possono scomparire in breve tempo, se invece di grandi dimensioni si possono avere problemi piu’ gravi come reazioni allergiche a rapida comparsa (anafilassi) con sintomi come nausea, tachicardia, cefalea, vomito, vertigini, dispnea,…

Cosa fare in caso di contatto con una medusa Pelagia noctiluca

La prima cosa da fare è mantenere la calma ed uscire subito dall’acqua. Non toccate la zona colpita. Lavare la parte interessata con acqua di mare. Rimuovete i filamenti della medusa se ancora presenti. Evitate l’acqua dolce, potrebbe aumentare i sintomi. Mantenete la zona colpita all’ombra per evitare cicatrici future. Se la medusa che vi ha urticato ha colpito una piccola zona ed il sintomo è solamente un bruciore recatevi alla farmacia più vicina ed acquistate un gel astringente al cloruro di alluminio che lenisce il prurito, blocca l’espansione ed assorbe gli essudati delle vescicole. Se invece la medusa è entrata in contatta con una parte più ampia recatevi ad un pronto soccorso. Non esitate soprattutto in casi di sudorazione, nausea, difficoltà nella respirazione e/o svenimento.

Cosa NON fare in caso di contatto con una medusa Pelagia noctiluca

  1. Evitate bendaggi (aumenta la quantità di veleno iniettata)
  2. Evitate lavaggi con soluzioni alcoliche
  3. Evitate di urinare sulla parte lesa

Come evitare il contatto con le meduse

In estate sono tanti i casi di ospedalizzazione dovuti a contatti con meduse o altri animali marini urticanti. Se le acque sono limpide e non vedete meduse non vuol dire che non c’è nessun rischio. Controllate sempre attorno a voi e il consiglio è di indossare una maglia termica che protegge il busto da qualsiasi contatto. Utilizzatela anche per i vostri bambini, li proteggerà anche dal sole.

E le lozioni protettive?

Medusa Pelagia Noctiluca

Non sono in grado di dirvi se le lozioni protettive siano veramente efficaci. Potrebbe essere una precauzione aggiuntiva ma io consiglio fermamente una maglia termica in neoprene anche da 1mm con lo scopo di proteggere il vostro corpo da contatti urticanti e dai raggi solari.  

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 3.7 / 5. Conteggio voti: 13

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto