Il Giornale dei MARINAI La pesca professionale Cambogia: é la fine per i villaggi galleggianti del Mekong

Cambogia: é la fine per i villaggi galleggianti del Mekong


0
(0)

Cambogia: é la fine per i villaggi galleggianti del Mekong

Qualcuno lo aveva annunciato diverse decine di anni fa…quando l’ultimo pesce pescato, vi accorgerete che non si può mangiare il denaro.

Era Sahpo Muxika, anche noto come Piede di Corvo, ex capo del popolo dei Piedi Neri. La sua predizione pare si stia avverando per i pescatori del lago piu’ grande del Sud est Asiatico il Tonle Sap. Sta mutando non solo un popolo  ma un vero e proprio modo di vivere. Tre ore di auto da Phnom Penh  per arrivare a  Chhnork Hole, uno dei  villaggi  galleggianti tipici del Tonle Sap , una grande zona umida alimentata dalle acque del Mekong . Il villaggio ha la sua scuola , il dentista , il suo parrucchiere e la sua clinica . Ma la maggior parte degli abitanti sono pescatori e vivono vendendo agli abitanti dei villaggi circostanti il pesce pescato. Adesso gli abitanti vogliono abbandonare i villaggi galleggianti e stabilirsi sulla terra provando a reinventarsi una nuova vita ed un nuovo lavoro. Abbiamo raggiunto Bunlim Sok, pescatore 62enne nato e cresciuto in questo villaggio. Bunlim non vorrebbe abbandonare il villaggio, la vita non è frenetica, ci si muove in motoscafo e si vive secondo i ritmi delle acque del Mekong.

MEKONG_Fisher

So soltanto pescare, non so piantere riso e non so lavorare la campagna.

Bunlim Sok

Tre ore di auto da Phnom Penh  per arrivare a  Chhnork Hole, uno dei  villaggi  galleggianti tipici del Tonle Sap , una grande zona umida alimentata dalle acque del Mekong . Il villaggio ha la sua scuola , il dentista , il suo parrucchiere e la sua clinica . Ma la maggior parte degli abitanti sono pescatori e vivono vendendo agli abitanti dei villaggi circostanti il pesce pescato. Adesso gli abitanti vogliono abbandonare i villaggi galleggianti e stabilirsi sulla terra provando a reinventarsi una nuova vita ed un nuovo lavoro. Abbiamo raggiunto Bunlim Sok, pescatore 62enne nato e cresciuto in questo villaggio. Bunlim non vorrebbe abbandonare il villaggio, la vita non è frenetica, ci si muove in motoscafo e si vive secondo i ritmi delle acque del Mekong. Egli stesso è sconfortato, so soltanto pescare- dice Bunlim– non so piantere riso e non so lavorare la campagna..


Il lago- continua Bunlim- ha dato sostentamento ad oltre un milione di persone che vivono sulle sponde del lago. Un lago dove vivono 150 specie differenti di pesci, che ormai stanno totalmente scomparendo.

DSCF8070

La scomparsa del pesce, secondo gli abitanti verrebbe dalle modificazioni apportate dall’uomo all’aspetto idrografico del Mekong.


Anche Sarath Yorng giovane pescatore 25 anni, conferma la scarsità di  catture nelle sue reti . ” Quando il vento è calmo, pesco  circa cinque chili di pesce al giorno . Quando il vento è forte , solo un chilo “, dice Sarath , padre di due figli, cercherò di andare a terra e rifarmi una vita lontano dall’acqua…non sarà facile!!!

Sono già  400 le famiglie che  hanno lasciato Chhnork Hole negli ultimi due anni , un quinto della popolazione del paese , secondo il suo leader, Samrith Pheng . “Una volta c’era un sacco di pesce , la gente poteva vivere . , Ma gli stock ittici sono in declino . Se fossimo a terra , potremmo coltivare ortaggi , mentre qui dobbiamo comprare tutto adesso”, dice il capo della villaggio .

fishermen

Il lago offriva nel 2006 tra 200.000 e 218.000 tonnellate di pesce all’anno , che rappresentava quasi la metà dei pesci catturati in pesci d’acqua dolce in tutta la Cambogia.


Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Cosa ne pensi ? Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche