Il Giornale dei MARINAI News Calamaro Thysanoteuthis rombus spiaggiato tra le rocce di Pozzallo

Calamaro Thysanoteuthis rombus spiaggiato tra le rocce di Pozzallo


0
(0)

Calamaro Thysanoteuthis rombus spiaggiato tra le rocce di Pozzallo

Un Calamaro gigante del peso di circa 25 kg si è arenato sulla spiaggia della Velata a Pozzallo in provincia di Ragusa. Il cefalopode- racconta Cristina Sigona– si trovava da qualche ora sugli scogli impossibilitato a prendere il mare. Questi animali molto comuni in Atlantico e molto meno in Mediterraneo vivono in ambienti profondi dove si riuniscono in gruppi numerosi per riprodursi. Molto probabilmente trascinato dalle forti onde il calamaro nulla a potuto contro la forza delle acque. Per sua fortuna in quei momenti si trovava sulla spiaggia Cristina Sigona che con grande stupore si è accorta dell’animale spaggiato. Da apprezzare il gesto di Cristina che dopo due veloci scatti con il calamaro gli ha ridato subito il mare spingendolo in acqua.

222432130-edaaa627-3c22-4f0b-88f7-6c5f3909c11f

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

2 thoughts on “Calamaro Thysanoteuthis rombus spiaggiato tra le rocce di Pozzallo”

  1. Vincenzo Di Martino ha detto:

    Mi spiace contraddirvi ma non si tratta di un calamaro gigante ma di un “semplicissimo” Thysanoteuthis rombus (cfr.) che costituisce una presenza abbastanza comune nei nostri mari soprattutto a grandi profondità.
    Spesso vengono segnalate segnalazioni di spiaggiamenti di questi animali oltre che ritrovamenti di parti di essi tra i contenuti stomacali di specie predatrici di grandi dimensioni come squali e odontoceti.
    Cordialità.
    Vincenzo Di Martino

  2. marcelloguadagnino ha detto:

    ringraziamo il dottor Di Martino per la segnalazione puntuale e per il riconoscimento della specie.
    Naturalmente per “gigante” non intendevamo calamari del genere Architeuthis…

Cosa ne pensi ? Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche